Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

CONDANNATO INFERMIERE | Ha violentato la figlia della compagna

09 / 01 / 2020

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Sei anni di reclusione ad un infermiere di 55 anni, originario di Marcianise e residente a Recale, accusato di violenza sessuale nei confronti della figlia della moglie. 

La sentenza è stata pronunciata nel pomeriggio di oggi dal giudice Grammatica del tribunale di Santa Maria Capua Vetere al termine del processo con rito abbreviato. Il pubblico ministero aveva chiesto ben 10 anni di reclusione per l'infermiere.

Una vicenda che si è consumata a Recale, una storia di abusi durati ben 15 anni fino a quando la ragazza, ha trovato il coraggio di denunciare tutto. Ha raccontato che il marito di sua madre (la giovane è nata da una precedente relazione) sin da quando era poco meno che adolescente, si infilava nel suo letto palpandole il seno e le parti intime.

Quando la ragazza è diventata maggiorenne, inoltre, l'uomo, anche dopo la fine della relazione con la mamma, ha continuato imprerterrito nel suo gioco perverso con messaggi osceni in cui avrebbe anche ammesso di "essersi masturbato pensando a lei". 

violenza donna recale
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.