Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

CONSIGLIO FLOP | Una maggioranza senza maggioranza governa il Comune di Caserta

31 / 07 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Proroga alle cave, il Consiglio straordinario si trasforma in un flop

Ancora una volta, una dimostrazione lampante che c'è una 'maggioranza senza maggioranza', quella capeggiata dal sindaco Carlo Marino che governa il Comune di Caserta. Un Consiglio comunale straordinario, convocato d'urgenza dalla pseuda maggioranza di centrosinistra, capeggiaggiata dal Partito Democratico, con in testa Di Michele e Tresca, che si è trasformato in un boomrang.

Una seduta che si è trasformata in un flop, incapace di mantenere il numero legale e permettere, l'approvazione di una delibera che avrebbe dovuto dare forza al ritiro dell'ormai noto 'articolo 4' della legge Semplificazioni, quello che avrebbe permesso alle cave che si trovano sui monti tifatini di fronte al Policlinico, di continuare l'attività fino all'entrata in vigore della nuova struttura universitaria, così come tra l'altro già previsto da altri atti regionali.

Un segnale chiaro che questa maggioranza non regge più e che sta dimostrando tutta la sua incompetenza con una grave assenza alla discussione dello stesso sindaco Marino. Un consiglio comunale a 'digiuno' di conoscenza della questione cave, che confonde proroga con nuova apertura.

I consiglieri Matteo Donisi ed Andrea Boccagna hanno abbandonato l'aula poco dopo l'inizio della discussione ed in aula sono rimasti 14 consiglieri comunali tra maggioranza ed opposizione e che ha costretto il presidente del Consiglio, Michele De Florio a chiudere la seduta consiliare.

 

cave comune di caserta
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.