Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Consorzio unico, il sindaco di Trentola scrive a Caldoro e Zinzi: ‘Intervenga la Corte dei Conti per ristabilire la legalità’

13 / 07 / 2013

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Il sindaco di Trentola Ducenta Michele Griffo ha scritto una lettera al presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, al presidente della Provincia Domenico Zinzi, all’assessore regionale all’ambiente Romano  e alla Corte dei Conti sulla situazione dei lavoratori del Consorzio unico di bacino. “I disastri provocati dalla mala gestio del Consorzio Unico di Bacino – scrive il primo cittadino - sono sotto gli occhi di tutti e sono culminati, ultimamente, nella protesta vibrante dei lavoratori che non percepiscono lo stipendio da oltre otto mesi e sui quali grava l’incertezza del loro futuro lavorativo. Ai lavoratori va tutta la nostra solidarietà pur rimanendo fermi nella condanna degli atti di violenza e di atteggiamenti oltremodo aggressivi. Va comunque evidenziato, ed in questo sono stato uno dei precursori, che nella vicenda del Cub esistono aspetti che rasentano l’assurdo come la nomina di due liquidatori che sembra percepiscano centoventimila euro l’anno ciascuno. Con la nomina del dottor Di Domenico non si spiega, infatti, perché Briamonte, che invece di porre in essere provvedimenti risolutivi, non ha fatto altro che aggravare la già precaria situazione, resti ancora in sella percependo, come sembra, un lauto stipendio. Stipendio che, secondo alcune voci, qualche mese fa avrebbe provveduto ad incassare mentre i lavoratori attendono ancora invano di avere il proprio. Nel corso degli anni si è assistito ad una gestione scellerata del consorzio, incapace di assicurare il regolare svolgimento del servizio ed il commissario liquidatore Farina Briamonte non si è dimostrato all’altezza di svolgere i compiti per i quali percepisce, come si dice, oltre diecimila euro al mese. Ma l’assurdo si raggiungerebbe se Briamonte, da commissario liquidatore qual è, dovesse vedersi riconosciuto un compenso sulla liquidazione della massa debitoria del Consorzio, che durante la sua gestione si è duplicata se non addirittura triplicata raggiungendo, sembra, i due-trecento milioni di euro, anche a causa dei numerosi atti di citazione notificati ai comuni aderenti al Cub per l’insolvenza dello stesso. E pensare che Briamonte era stato nominato per liquidare i debiti del consorzio e per, al massimo, avviare la raccolta differenziata rimasta invece al palo. Si rende necessario, dunque, un intervento tempestivo, anche della Corte dei Conti, teso a ristabilire la normalità e soprattutto la legalità ed a individuare soluzioni durature per i lavoratori che soffrono un comprensibile disagio”.                        
comune trentola ducenta consorzio unico di bacino corte dei conti corte dei conti michele griffo
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.