Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

IMMIGRATI A SANTA MARIA CV | Business da 1 Milione di Euro per la Cooperativa di Biagio Napolano. Fu anche coinvolto nello scandalo Servizi Sociali di SMCV

29 / 03 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


E' la cooperativa sociale "Solidarci" di Caserta che fa capo a Biagio Napolano. Due sole le ditte che hanno partecipato al bando di cui una è stata esclusa dalla commissione e la società di Napolano ha avuto la strada spianata per aggiudicarsi il servizio. Infatti, per l'accoglienza ai rifugiati il comune ha ottenuto dal ministero degli interni la somma di 918 mila euro dal 2014 e fino al 2019 in quanto la città del foro ha aderito alla Rete SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) insieme ad altri 43 comuni della provincia di Caserta, che prevede l'accoglienza per 105 rifugiati che potranno essere impiegati in progetti di pubblica utilità.

Il protocollo d'intesa è stato firmato nella Sala dei Baroni al Maschio Angioino ed avrà la durata di un anno. Fra gli altri comuni che accoglieranno più rifugiati vi sono Caserta con 244 unità, Aversa con 170, Marcianise con 127, Maddaloni con 125, e Santa Maria Capua Vetere con 105 rifugiati.Il comune potrà accedere ai fondi per la gestione delle problematiche sociali ed amministrative legate alla presenza dei richiedenti asilo sul territorio ed avrà la possibilità di ristrutturare sedi ed immobili abbandonati in cui alloggiare non solo i rifugiati, ma anche i senza tetto storici del territorio.

E proprio per dare seguito a questa iniziativa il comune ha indetto una gara a procedura aperta per la selezione di un soggetto "ente attuatore" per l'affidamento in prosecuzione del progetto SPRAR per la durata di 22 mesi. La gara si è svolta con il sistema dell'offerta economica più vantaggiosa e la Solidarci si è aggiudicato l'appalto ed i verbali sono stati approvati dal dirigente i servizi sociali Erminia Cecere.

Ma chi guida la Cooperativa Solidarci? Il rappresentante è quel Biagio Napolano che nel 2010 (sotto la sigla di Sinistra Ecologia e Libertà) era presidente dell’Arci e sfidò l’attuale sindaco di Caserta Carlo Marino alle Primarie. Una sconfitta sonora che però permise comunque a Napolano di conoscere l’ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere Biagio Di Muro e di entrare a far parte di un sistema legato ai Servizi sociali, e ora anche dell’immigrazione, che ha portato lo stesso Napolano ad essere indagato (e arrestato) nel novembre 2017 per lo scandalo sui Servizi sociali di SMCV

 

Biagio Napolano cooperativa sociale Solidarci immigrati
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.