Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

CORONAVIRUS | Dopo la firma del Decreto: centinaia in auto e autobus di rientro dalle fabbriche chiuse del Nord

23 / 03 / 2020

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Com'era prevedibile, in coincidenza con l’annuncio del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, con lachiusura di molte fabbriche nel Nord Italia, tra ieri ed oggi si è registrato un consistente quanto pericoloso afflusso di auto e autobus.

Visto lo stato di assoluta emergenza e il pericolo cui è esposta giornalmente la provincia di Caserta e la Regione Campania con i sistematici 'rientri' che, in barba ai Decreti e alle Ordinanze, non si sono mai interrotti, il Presidente della Regione, nelle more dell’invocato intervento del Governo Nazionale, avrebbe dovuto utilizzare in tempo reale tutti i poteri di cui dispone per impedire l’ennesimo afflusso che espone l’isola al contagio di massa da Covid 19.

Altresì criticabile la gestione del Governo centrale che ha annunciato il Dpcm del 22 marzo con largo anticipo rispetto all’effettiva entrata in vigore innescando, per la seconda volta, il fuggi, fuggi generale da nord verso sud. Nell’attuale condizione di emergenza che attiva fisiologiche emotività nella popolazione, ai confini col panico di massa, prima di annunciare il dettaglio dei decreti restrittivi bisognerebbe attendere l'entrata in vigore.

coronavirus rientro nord italia
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.