Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

CORONAVIRUS | Finalmente l'esercito per il controllo del rispetto dei Decreti e delle Ordinanze

23 / 03 / 2020

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


E' arrivato l'esercito  per il controllo del rispetto dei decreti e delle ordinanze emanate dal premier Giuseppe Conte e dal Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. 24 i militari del contingente dell'esercito impegnato a Castel Volturno. Accolte, dunque, le richieste del sindaco Luigi Petrella che aveva denunciato di "essere lasciati soli" a gestire una situazione di emergenza sanitaria, quella del Coronavirus, ma anche sociale, con la comunità dei migranti che mal digeriva i provvedimenti del governo nazionale.

"Da stamattina Castelvolturno può contare su un contingente dell'Esercito Italiano, che sarà impegnato in azioni di supporto al presidio del territorio e all'osservanza di quanto previsto dai Decreti Ministeriali e dalle Odinanze Regionali attualmente in vigore - fa sapere il sindaco - La presenza dell'Esercito nella nostra città è frutto di un lavoro continuo, sinergico e silenzioso tra questa Amministrazione e gli Enti preposti in materia. Ringrazio quindi il Ministro degli Interni, Luciana Lamorgese, il Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, il Governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca e il Prefetto di Caserta, Raffaele Ruberto, per aver ascoltato il grido di aiuto che ho lanciato nei giorni scorsi, nell'interesse esclusivo della salute dei cittadini di Castelvolturno. Tutti ed indistintamente. Ringrazio la leader nazionale del mio partito, Giorgia Meloni, per essere stata ancora una volta al nostro fianco. Per avermi guidato ed accompagnato in questo iter burocratico che ha visto alla fine esaudite le nostre richieste. Ed infine ringrazio voi, Popolo Castellano, per il senso di comunità che ancora una volta state dimostrato", ha concluso."

coronavirus ese castel volturno
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.