Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Cosentino interrogato: "Mai preso voti dalla camorra. L'ex sindaco mente"

25 / 01 / 2016

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


"Non non ho mai chiesto l'aiuto della camorra". E' quanto ha dichiarato nel corso del controesame Nicola Cosentino, oggi ascoltato nel processo Eco4  che lo vede imputato. L'ex sottosegretario ha sottolineato che "fu il dottor Carlo Natale a chiedermi un impegno alle comunali. La mia famiglia aveva sempre avuto un componente in consiglio comunale". Cosentino, interrogato dai suoi avvocati De Caro e Montone, ha parlato anche della vicenda del distributore di benzina di Gallo a Villa di Briano che ha portato ad una nuova indagine sulla sua famiglia. “Gallo è stato mi pare consigliere con Zippo e fu candidato anche alle provinciali con il Cdu. Una volta si rivolse a me per usarmi da intermediario col presidente Ventre, per fargli ottenere un ruolo. Dissi che non era del mio partito e non potevo far niente. Riguardo la pompa di benzina so che stava facendo dei lavori, i quali aprirono ad un contenzioso,poi vinto, con i miei fratelli. Si poteva mettere un impianto ogni mille abitanti e mi sembra che Villa di Briano aveva sforato questa quota. Mai interessato di questa vicenda”. Ed aggiunge: “Zippo (ex sindaco di Villa di Briano, ndr) era espressione di centrosinistra. Dice che io lo avrei incontrato in prefettura con la dottoressa Stasi. Io non la conoscevo. E poi, come un viceprefetto di Napoli poteva vedersi con noi a Caserta. La ricostruzione di Zippo è destituita di ogni fondamento di verità. Il prefetto era il dottor Schilardi a Caserta”.

nicola cosentino processo eco4 voti camorra villa di briano
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.