Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Del Gaudio in cella, il Movimento Speranza per Caserta: "Chiedevamo da tempo le sue dimissioni"

14 / 07 / 2015

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Il Movimento Speranza per Caserta e l’Altra Europa con Tsipras prendono atto dei recenti provvedimenti della Magistratura nei confronti di tredici tra politici ed imprenditori del territorio casertano, tra cui l’ex primo cittadino del Capoluogo. "La gravita' dei reati contestati ai soggetti conferma un quadro di gravissima emergenza morale in tutta la provincia di Caserta, e soprattutto del capoluogo - dichiarano - L'ex sindaco Pio Del Gaudio, il plurinquisito e pluri-arrestato ex consigliere regionale (nonche' per anni potente assessore di Caserta) Angelo Polverino ed un parlamentare in carica e segretario provinciale di Forza Italia, Carlo Sarro, di cui si chiede l’arresto, sono l’ennesima prova di una profonda e grave penetrazione della camorra che, senza farsi scrupolo di imbastire scenari fantasiosi e/o di  utilizzare metodi corruttivi, esercita un indiscriminato dominio sulla vita politica ed istituzionale della citta' di  Caserta e della sua Provincia.  A Del Gaudio avevamo chiesto da oltre un anno le dimissioni in ragione della sua dipendenza con l'ex viceministro Cosentino, individuato nei filoni d’indagine che lo riguardano quale referente dei casalesi, che lo aveva voluto sindaco. Certe sue dichiarazioni di fedelta' (un vero e proprio “pizzino”) al Cosentino inquisito per gravissimi reati erano, gia' da sole, pericolosi indizi di compromissione. Il partito di Forza Italia di Caserta e provincia, così come i tanti “complici”, incontrati lungo il dissennato governo della citta', meditino il ritiro definitivo dalle competizioni elettorali dopo avere ancora una volta infangato con propri uomini di vertice l'immagine e la bellezza delle nostre terre e gravemente leso la dignita' di tutti i cittadini. Il Movimento Speranza per Caserta e l’Altra Europa rilanciano il proprio impegno contro la permeabilita' della camorra nei partiti e nelle istituzioni, contro la diffusione della corruzione e per il riscatto etico e politico dei cittadini onesti; come gia' nel 2011, ai candidati per le elezioni amministrative del prossimo anno sara' richiesto di sottoscrivere un codice etico che sara' garanzia dei futuri comportamenti adottati, dentro e fuori le istituzioni".

 

caserta pio del gaudio carcere sindaco speranza per caserta francesco apperti
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.