Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

TRAGEDIA IN MARE | La cubana Digne era ricercata dai carabinieri

30 / 05 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


La 32enne cubana, Digne Cappe, il cui cadavere e quello di sua figlia sono stati ritrovati lo scorso 5 maggio al largo di Terracina, risultava ricercata dalla giustizia italiana. A suo carico pendeva un processo per sottrazione di minore davanti al giudice monocratico del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere.

A denunciare la donna è stato l’ex compagno, un 32enne di Carinola, il quale aveva deciso di sporgere denuncia presso i carabinieri. Le autorità italiane hanno tentato di reperire la donna ma senza riuscirci, la quale non sappiamo se intenzionalmente, si era resa irreperibile.

 

LA TRAGICA STORIA - Erano la compagna e la figlia di appena due anni dell'imprenditore di Mondragone Pierluigi Iacobucci, trovato morto il 5 Maggiosulle spiagge di Baia Domizia, i cadaveri trovati oggi nelle acque di Terracina.

La famiglia completa, Pierluigi 32 enne, la compagna, la 31enne Digne Cappe, e la figlia Sofia di appena 2 anni scomparve il 2 maggio dopo essere usciti in mare per una gita con una moto d'acqua. Erano partiti da Castel Volturno. Iacobucci gestiva con il fratello alcuni supermercati tra Scauri e Minturno, fu trovato senza vita a Baia Domizia, ancora legato all'acquascooter.

La segnalazione è arrivata poco prima delle 11 alla Guardia costiera di Terracina da parte della Guardia di Finanza che a bordo di un pattugliatore era in servizio in mare. I corpi sono stati scoperti questa mattina dalla sezione navale della Guardia di finanza di Terracina, durante un servizio di pattugliamento in gommone nell'area compresa tra Torre Canneto e Sant'Anastasia. A recuperare le salme, in avanzato stato di decomposizione, sono stati gli uomini della Guardia costiera di Terracina, che le hanno poi portare al porto della città di Giove.

 

digne cappe pierluigi iacobucci
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.