Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Dimissioni a raffica dalla Giovane Italia, Boggia: il partito in mano a kamikaze

02 / 10 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


"Apprendo con dispiacere delle dimissioni di Pasquale Sasso da Presidente della Giovane Italia di Mondragone. Lo inviterò a ritirarle, ma sinceramente, a questo punto, non posso che condividere le motivazioni che lo hanno indotto a tale scelta". E' il pensiero di Andrea Boggia, dirigente nazionale di Giovane Italia, che aggiunge: "Quello di Pasquale, oggi, è un gesto di sana ribellione nei confronti di chi continua a gestire il nostro partito con fare da kamikaze. I maestri della autodistruzione stanno allontanando in primis gli elettori, e poi una giovane e volenterosa classe dirigente che ha creduto fortemente nei valori fondanti del Pdl. Troppo spesso si è solo parlato di merito, ricambio, partecipazione, salvo poi perpetrare i medesimi comportamenti scellerati, anche in un momento come questo, che invece richiederebbe una sincera presa di responsabilità. Quella del congresso provinciale “confezionato e precotto” è una messa in scena alla quale non ci presteremo; questa Comunità merita di più di una farsa ben architettata per conservare chissà quale inesistente rendita di posizione. Quella casertana è solo l’ultima delle incredibili virate masochistiche del partito, e si somma per contiguità temporale a quanto accaduto in Sicilia a Carolina Varchi. Che considerazione ha dei propri giovani questo partito, se invece di valorizzarne le pulsioni positive, ne mortifica l’impegno? Nonostante questo, nonostante tutto, a Pasquale e agli altri amici, militanti della Giovane Italia, va l’invito a non cedere. Stiamo sottoscrivendo il documento redatto dall’Esecutivo Provinciale Giovanile, con il quale si chiede un vero e partecipato rinnovamento, che nasca innanzitutto da quella base programmatica che è venuta inspiegabilmente a mancare in questa fase".
Caserta Politica Piedimonte Matese Sant`Arpino Sant`Arpino Alife
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.