Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Aggredito e picchiato il sindaco, assediato il palazzo comunale

13 / 10 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Il sindaco Dimitri Russo, eri sera ha subito un'aggressione da un gruppo di persone letteralmente inferocite che, hanno assediato il palazzo comunale, al punto da costringere decine di carabinieri a giungere sul posto per garantire l'ordine pubblico. L'episodio avrebbe a che fare, con la morte del sedicenne Francesco Pio Magheron, che ha perso la vita in un tragico incidente avvenuto al km 28 della Domiziana allorquando una biciclette avrebbe tagliato la strada allo scooter su cui viaggiava insieme ad un altro giovane, provocandone la rovinosa e letale caduta.    

Destra volturno, ancora una volta si è mossa in maniera impetuosa. La marcia si è indirizzata oggi verso il Comune. Il corteo già conteneva la rabbia nei confronti del primo cittadino il quale, a quanto pare, avrebbe incendiato ulteriormente gli animi con un improvvido post su Facebook nel quale, con il ragazzino ancora in obitorio, si è espresso con commenti di biasimo nei confronti anche della vittima, in pratica che è causa del suo mal in quanto privo di casco al momento dell'incidente. E' chiaro che, un commento come questo, che può avere anche un contenuto accettabile, discutibile ma sicuramente legittimo, incastrato nelle tensioni di quella che è una vera bomba sociale innescata, ha fatto crescere ulteriormente il dissenso dei manifestanti. Già nel tardo pomeriggio la tensione era altissima e l'avanguardia del corteo aveva chiesto un colloquio con il sindaco. C'erano già forze dell'ordine davanti al Municipio. Ma nulla hanno potuto fare nel momento in cui, un paio di persone apparentemente giovani, avvistato il sindaco in arrivo, staccandosi dal corteo, lo hanno aggredito e malmenato, costringendolo a riparare nel Municipio. A quel punto le forze dell'ordine si sono doverosamente schierate a difesa del palazzo comunale. Gli animi erano tremendamente esasperati. E' partita una sorta di guerriglia urbana con lancio di bottiglie e corpi contundenti nei confronti dei militari. Una bottiglia, a quanto pare, ha anche colpito e ferito lievemente il comandante della stazione dei carabinieri di Castel Volturno.

 

© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it