Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Disastro ambientale a Pastorano, ecco i risultati dell' Arpac

26 / 07 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Toluene, Xilene, Formaldeide. Sono i nomi di tre sostanze contenute nella relazione di Arpac e Asl effettuata dopo i rilievi nell'area dove sabato pomeriggio è divampato il rogo del deposito di elettrodomestici Expert, nell'area industriale di Pastorano. Domenica è stato effettuato un sopralluogo dell'Asl e in queste ore sono arrivati ai Comuni risultati delle analisi effettuate dall'Arpac. Gli esiti, davvero allarmanti, sono stati comunicati già nella giornata di lunedì ai sindaci dei Comuni interessati: Pastorano, Pignataro, Bellona e Camigliano, oltre che all'Asl di Capua. Nell'aria i rilevatori degli ispettori Arpac hanno riscontrato la presenza di formaldeide, toluene, xilene oltre ad altre sostanze. Alla luce dell'incendio di materiale tossico sono state consigliate alcune prescrizioni. Nel raggio di 500 metri dall'incendio, dove saranno comunque prelevati campioni di vegetali, è proibito consumare frutta e ortaggi raccolti nelle ore successive all'incendio nei campi limitrofi così come è sconsigliato consumare l'acqua prelevata dai pozzi rurali. Nel raggio di 3 chilometri dall'incendio è proibita la raccolta del foraggio ed il pascolo degli animali. Anche sulla qualità dell'aria ci sono delle raccomandazioni, pur mancando valori di riferimento per delineare il grado di pericolosità: in ogni caso la raccomandazione è quella di tenere chiuse più possibile porte e finestre delle abitazioni ed evitare che bambini ed anziani siano all'aria aperta nelle aree vicine al rogo.

LA NATURA DELLE SOSTANZE TROVATE E I RISCHI PER LA SALUTE. Il toluene è un solvente contenuto nella benzina e danneggia i nervi, i reni e probabilmente anche il fegato. L'inalazione dei suoi vapori produce sintomi di stanchezza, nausea, confusione, disturbi alla coordinazione dei movimenti e può portare alla perdita di coscienza. La formaldeide è un potente battericida ed è stato inserito nell'elenco delle sostanze cancerogene fin dal 2004. Dal 10 gennaio 2016, inoltre, la formaldeide è passata dalla classificazione di "sospettato di provocare il cancro" a "può provocare il cancro". Lo xílene è invece utilizzato come solvente nella stampa, per la lavorazione delle gomme e del cuoio e come agente pulente per acciai, come componente e come diluente per vernici. L'esposizione ad alti livelli per corti periodi (14 giorni o meno) o lunghi periodi (più di un anno) causano mal di testa, carenza di coordinazione nei muscoli, vertigini, confusioni e cambiamenti di umore. A livelli ancora più alti si fa dall'irritazione della pelle ai danni ai polmoni ed al fegato, ma ciò riguarda chi si trova ad agire a stretto contatto con questa sostanza.

 

© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it