Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

ARIA DI VENDETTA | Incendiato il portone di casa dell' orco oggi a processo: è accusato di violenza su minore

28 / 08 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Un clima pesantissimo quello che si respira a Recale dopo l’inchiesta che ha portato all’arresto del 67enne, e che oggi si celebra il processo. Alla diffusione della notizia, decine di cittadini hanno rivolto offese dettate dalla rabbia per un episodio che ha destato stupore nella comunità.

Nella notte, infatti, ignoti hanno dato alle fiamme il portone dell’abitazione del 67enne, Domenico Fasulo, ristretto agli arresti domiciliari. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri della stazione di Macerata Campania. Il rogo è stato domato subito, i danni non sono gravissimi, in pratica sono localizzati sulla parte del citofono del portoncino. Terrorizzati, oltre al 67enne, i familiari dell’uomo, che stanno vivendo una grande pressione dopo che ieri è uscita la notizia che ha riportato la tranquilla cittadina di Recale alla ribalta della cronaca nazionale.

Si vedeva da ieri che la rabbia della gente era tantissima, moltissimi sui social i post di un certo tono nei confronti dell’uomo, inchiodato dalla denuncia della madre della piccola e dai riscontri dei filmati. Speriamo che si tratti comunque di un episodio isolato

L’episodio dei palpeggiamenti è avvenuto il 15 agosto scorso, durante una festa organizzata nella congrega della parrocchia di Santa Maria Assunta di Recale. La bambina stava giocando a biliardino con un’amica quando l’uomo, un 67enne di Recale, le si è avvicinato, toccandola sia sul petto che sul fondoschiena. Ed è stata proprio la bambina a raccontare i fatti alla mamma, una volta tornati a casa. La donna, senza perdere tempo, si è recata immediatamente dai carabinieri per denunciare l’accaduto. A contribuire in maniera fondamentale alle indagini sono state le immagini catturate dall’impianto di videosorveglianza della confraternita.

 

arrestato pedofilia recale Domenico Fasulo
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.