Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

PIAZZA DI SPACCIO | Droga nelle palazzine: chiesti quasi 200 anni di carcere. TUTTI I NOMI

31 / 01 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Dodici condanne e 180 anni di reclusione. E’ questa la richiesta formulata nella giornata di oggi dal pubblico ministero della Dda Luigi Landolfi per gli imputati nel processo sullo spaccio di droga nelle palazzine di Maddaloni che hanno scelto di essere processati con il rito abbreviato.

Pesanti le condanne invocate dal sostituto procuratore Antimafia: si va dai 20 anni invocati per il ras Antonio Esposito “o’ sapunaro”, per l’ex chef Antonio Mastropietro e per gli emergenti Aniello Zampella e Fabio Romano ai 3 anni di reclusione per Tagliafierro.

L’accusa è, a vario titolo e con ruoli diversi, quella di associazione a delinquere finalizzata al traffico ed alla commercializzazione di stupefacenti, aggravato dal metodo mafioso. Gli imputati sono tutti residenti tra le palazzine di via Feudo, fulcro dell’inchiesta. L’attività è una costola dell’indagine partita a seguito dell’omicidio di PANIPUCCI Daniele, freddato con un  colpo d’arma da fuoco al volto in Maddaloni, nella serata del 25.5.2016.

Nell’ambito delle attività investigative sono stati acquisiti elementi atti a dimostrare la perdurante esistenza, sul territorio di Maddaloni, di un’associazione per delinquere finalizzata all’approvvigionamento e allo spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, hashish e crack e il “controllo” operato sulla commercializzazione degli stupefacenti, dapprima da ESPOSITO Antonio, nella sua veste di reggente del locale sodalizio di stampo camorristico e poi da MASTROPIETRO Antonio, che assumeva la gestione del clan dopo l’arresto dell’Esposito del 31.8.2016.

Le indagini della Squadra Mobile di Caserta, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, hanno dunque svelato l’estensione sul territorio maddalonese di una lucrosa e capillare attività di spaccio, svolta senza tregua, in un quartiere desolante e degradato, attività che aveva attirato gli interessi del clan Belforte, che da sempre esercita il controllo sul territorio di Maddaloni. 

In particolare, le attività investigative, oltre a delineare il ruolo di ognuno degli indagati, hanno consentito di individuare le maggiori piazze di spaccio maddalonesi e ricostruire le modalità di funzionamento della commercializzazione al dettaglio delle droghe, confermando, ancora una volta, la centralità del Rione IACP di via Feudo 54, sede di ben tre gruppi di spaccio facenti capo rispettivamente a Romano Fabio, alla famiglia Gagliardi/Bernardi e alla famiglia Zampella/Stefanelli, nel quale rivestiva un ruolo centrale, un figlio, all’epoca minorenne, che è stato altresì attinto da altro provvedimento restrittivo emesso dal Tribunale per i Minorenni di Napoli.

Le investigazioni, inoltre, hanno palesato le attività di spaccio del gruppo facente capo a Padovano Antonio che, benché detenuto agli arresti domiciliari, non ha esitato a coinvolgere nelle attività di approvvigionamento e spaccio l’intera famiglia, compresa la moglie, all’epoca incinta, la sorellastra, nonché la nipote minorenne e  il suo fidanzato. Il gruppo facente capo a Padovano Antonio aveva come canale di approvvigionamento dello stupefacente il casertano Belvedere Luigi, pregiudicato per reati in materia di stupefacenti, il quale, per il tramite del cugino Belvedere Pietro, riforniva quotidianamente di cocaina il gruppo di Padovano per le successive operazioni di spaccio al dettaglio. 

GLI INDAGATI E LE RICHIESTE

  1. BELVEDERE Luigi, nato a Caserta, classe 1992 = 10 anni
  2. BELVEDERE Pietro, nato a Maddaloni, classe 1988 = 12 anni
  3. ESPOSITO Antonio, nato a Maddaloni, classe 1978 = 20 anni
  4. MADONNA Giuseppe, nato a Maddaloni, classe 1992 = 12 anni
  5. MASTROPIETRO Antonio, nato a Maddaloni, classe 1978 = 20 anni
  6. PADOVANO Antonio, nato a Maddaloni, classe 1977 = 20 anni
  7. ROMANO Fabio, nato a Maddaloni, classe 1990 = 20 anni
  8. STEFANELLI Antonietta, nata a Maddaloni, classe 1975 = 12 anni
  9. TAGLIAFIERRO Antonio, nato a Maddaloni, classe 1989 = 12 anni
  10. TAGLIAFIERRO Mariano, nato a Maddaloni, classe 1996 = 3 anni
  11. TEDESCO Biagio, nato a Maddaloni, classe 1992 = 8 anni
  12. ZAMPELLA Aniello, nato a Caserta, classe 1999 = 20 anni

 

 
arresti droga maddaloni
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.