Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

E' caccia al tesoro della CAMORRA. Cafiero De Raho: 'E' nelle mani di chi non abbiamo ancora preso'

25 / 11 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Cafiero De Raho, neo procuratore nazionale antimafia, si è commosso entrando nella casa di don Peppe Diana, dove ad attenderlo ha trovato centinaia di persone a fare da cornice alla presentazione della nona edizione del tour ‘Facciamo un pacco alla camorra’. Ha trovato una Casal di Principe che rispetto al giorno che a conobbe, dell’omicidio di don Peppe Diana.“

"Sono tornato in una Casal di Principe diversa, dove siamo riusciti con tanto lavoro a far rialzare la testa a tanti giovani. Ora dobbiamo colpire quei professionisti che hanno agevolato la diffusione della camorra"- ha detto De Raho.

"Coloro che sono stati arrestati come riciclatori sicuramente movimentavano una parte consistente del tesoro di Michele Zagaria, degli Schiavone e di coloro che hanno portato avanti il clan dei Casalesi. Un tesoro che e' ancora nelle mani di qualcuno che deve essere arrestato". CosI' il presidente nazionale antimafia Cafiero De Raho a Casal di Principe in occasione dell'inaugurazione del tour di "Facciamo un pacco alla camorra". "In questi anni -spiega De Raho - la maggiore difficolta' degli uffici di procura e degli investigatori di polizia e Arma dei carabinieri a individuare gli imprenditori che si muovono nel tessuto economico avendo alla base il denaro dei clan".

"E' un po' come tornare a casa, in una cittadina che e' stata nel mio cuore sempre, dove i casalesi, che sono gli abitanti di Casal di Principe, hanno compreso che bisognava reagire a una pressione, a una violenza, a una sottrazione della liberta', e l'hanno fatto - continua De Raho -. Non dimentichero' mai il 19 marzo del 2013 quando in chiesa per Don Peppino Diana ucciso nel 1994 tanti giovani si riunirono e in tanti intervennero pubblicamente parlando del clan, dimostrando di aver raggiunto quella maturita' e liberta' alla quale io speravo si arrivasse".

"Si e' fatto tanto e oggi la gente ha fiducia nello Stato. Questo e' fondamentale per la totale bonifica dei territori e l'annientamento delle mafie. Oggi a Casal di Principe i cittadini hanno dimostrato di raggiungere quella maturita' e liberta' a cui loro auspicavano e io speravo si arrivasse", ha concluso De Raho.

© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.