Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Elezioni Senato in Campania, ecco i sondaggi: 14 posti al Pd, 6 al Pdl, 2 a Sel. Come cambia rispetto al voto del 2008

10 / 01 / 2013

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


È ormai partito il conto alla rovescia verso le elezioni 2013, che vedranno in campo volti nuovi e vecchie conoscenze della politica nazionale. A tal proposito è utile ricordare i risultati delle ultime consultazioni avvenute nel 2008 in Campania. Da una parte il PD di Walter Veltroni e  l’IDV di Antonio Di Pietro, dall’altra il PDL di Silvio Berlusconi e l’MPA di Raffaele Lombardo. Dopo i due anni di Governo Prodi, si assistette a una débacle del centrosinistra, capace di racimolare solo il 33,9% al Senato, contro il 51,1% dello schieramento di centrodestra. Simile la situazione nella circoscrizione Campania2, dove PD e IDV non andarono oltre il 32,7%, contro il 51,6% del fronte berlusconiano. Le elezioni del 2008 vengono ricordate anche per la clamorosa esclusione dai due rami del Parlamento della sinistra radicale, lontana dalle soglie di sbarramento, e della corsa solitaria dell’UDC di Casini, che alla Camera riuscì a strappare due seggi con il suo 7,5%. Ma quali sono le previsioni per questa tornata elettorale? Molto è cambiato: la salita di Monti in politica, l’ascesa del M5S di Beppe Grillo, la ritrovata unione della sinistra e i movimenti nati attorno alla figura di Antonio Ingroia. Sondaggi alla mano (Ipsos, 7/1/2013), non appare affatto scontata l’affermazione della coalizione di centrosinistra in regione Campania. I partiti che appoggiano Bersani riceverebbero il 31,2% alla Camera e il 30,5 al Senato, per un totale di 16 posti a Palazzo Madama, con 14 per il Pd e 2 per Sel. La coalizione che scende in campo con Berlusconi è indicata del 27,5% alla Camera, un punto in più al Senato, dove il partito di centrodestra per un totale di 6 seggi. Il trend delle ultime settimane mostra un costante recupero delle forze di centrodestra, e una lenta ma duratura erosione del voto che scivola dal PD/SEL verso la Lista Ingroia, che al Senato conterebbe su 2 seggi grazie all’11%. La coalizione che appoggia la salita di Monti potrebbe beneficiare di 3 seggi, con il 14% dei voti al Senato, mentre il non più sorprendente M5S conta sul 13% e 2 seggi. (Carmine Di Niro)
elezioni politiche sondaggi campania senato senato pdl-pd
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.