Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Emergenza sicurezza a Marcianise, una banda di rapinatori sta seminando il panico. Questa volta è toccato ad un figlio di un noto politico

28 / 09 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Una banda di professionisti, armati di pistola, che sta mettendo nel mirino rampolli e imprenditori puntando a grossi bottini. E' questo uno degli scenari che sta emergendo in queste ore dopo il raid di ieri pomeriggio in via Giuseppe Verdi. L'assalto al titolare di Bi.tar non è, infatti, un caso isolato. Qualche giorno prima, infatti, sempre nel centro storico, un altro colpo da migliaia di euro era stato messo a segno da due rapinatori.
In quella circostanza nel mirino era finito il figlio di un politico di Marcianise. Il giovane stava rientrando a casa quando è stato affiancato nei pressi di via Roma, da due malviventi in scooter. I banditi hanno atteso che la vittima si fermasse, poi gli si sono parati davanti: uno dei due ha estratto la pistola e lo ha costretto a scendere dalla vettura.

l giovane, sotto la minaccia del revolver, non ha potuto fare altro che consegnare ai delinquenti le chiavi della vettura, lo smartphone di ultima generazione e i soldi. Uno dei due delinquenti si è messo alla guida dell'auto del giovane ed è fuggito, con il complice che lo seguiva a pochi metri di distanza in sella allo scooter. Quando il ragazzo è riuscito a dare l'allarme la coppia si era già dileguata col bottino da diverse migliaia di euro

© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it