Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Uccisa a 23 anni nell' ex Hotel Zagarella, il killer estradato dalla Germania

08 / 04 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


È stato estradato in Italia Emanuele De Maria, il 28enne napoletano è atterrato nel pomeriggio di sabato all’aeroporto romano di Fiumicino. Il giovane è stato poi condotto dai carabinieri presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Secondo la procura sammaritana De Maria è il responsabile dell’omicidio della prostituta tunisina 23enne Oumaima Rached, avvenuto il 31 gennaio 201 nei pressi dell’ex hotel Zagarella di Castel Volturno. Il 28enne era stato rintracciato e arrestato dai carabinieri della compagnia di Mondragone nella cittadina di Weener (nord della Germania, confine con i Paesi Bassi), dove si nascondeva.

Emanuele De Maria, 28enne, dichiarato latitante dall'autorità giudiziaria, è stato scoperto dalla polizia tedesca a Weener, cittadina al confine con i Paesi Bassi. Determinante la collaborazione tra gli inquirenti e gli esperti del Servizio per la cooperazione internazionale di polizia del Dipartimento di pubblica sicurezza, che a loro volta si sono interfacciati con gli investigatori tedeschi e olandesi. E' emerso così che De Maria era in Germania, nel territorio della Bassa Sassonia.

Il 28enne era già stato identificato in Italia dai carabinieri della compagnia di Mondragone, che erano intervenuti nell'ex hotel Zagarella subito dopo il ritrovamento del cadavere della tunisina; la donna era stata uccisa con numerose coltellate. I militari hanno subito sentito alcuni testimoni, tra cui un cittadino extracomunitario il cui contributo è stato fondamentale, in quanto ha raccontato di essere intervenuto in soccorso della tunisina la sera del delitto, di aver addirittura seguito l'omicida mentre fuggiva a piedi lungo la Domiziana, ma di aver desistito quando il presunto colpevole lo ha minacciato con un coltello. I carabinieri hanno poi visionato le immagini delle telecamere di video-sorveglianza presenti lungo la strada, e hanno visto un uomo corrispondente alla descrizione fatta dai testimoni, che dopo una lunga fuga si rifugiava in un complesso residenziale noto come "Prato Verde".

I carabinieri hanno identificato De Maria, che era un residente. Quando è stata emessa ordinanza dal Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, il 28enne era però già espatriato. Dopo l'arresto, l'autorità giudiziaria italiana ha avviato d'intesa con quella tedesca le pratiche per l'estradizione. Dalle indagini è emerso che De Maria avrebbe ucciso la prostituta per vendetta, perché quest'ultimo avrebbe provato a rapinarlo

hotel Zagarella Oumaima Rached Emanuele De Maria
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.