Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

IL NOME | Noto avvocato ed ex consigliere comunale 'distrae' 600mila euro ad una società cooperativa in liquidazione: il tribunale gli sequestra 120mila euro

01 / 08 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


 

Sequestro preventivo di beni, per un valore di 120mila euro, quello che la Guardia di finanza di Capua, su disposizione del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, ha effettuato nei confronti di Federico Simoncelli accusato di peculato. L’uomo, in qualità di pubblico ufficiale, essendo commissario liquidatore di una società cooperativa agricola, la “Conca d’oro”, con sede a Crispiano, in provincia di Taranto, secondo l’accusa, dal 1995 al 2014 avrebbe distratto dal patrimonio societario circa mezzo milione di euro, nel periodo in cui la stessa coop era in liquidazione coatta amministrativa.

Le indagini sono partite dalla denuncia presentata dal nuovo commissario liquidatore, nominato dal Ministero dello Sviluppo economico in sostituzione del precedente, non avendo, quest’ultimo, provveduto a rendere all’autorità di vigilanza le relazioni semestrali sulla situazione patrimoniale della società e sull’andamento della gestione. Ciò nonostante le continue diffide. Nella segnalazione del nuovo commissario venivano riscontrati consistenti ammanchi di cassa, durante il periodo di direzione del precedente collega che, alo stato, non trovano alcuna giustificazione.

Inoltre, dalle investigazioni, attraverso la ricostruzione dei flussi finanziari della cooperativa, nonché dalla disamina della documentazione contabile acquisita, è stato riscontrato che il precedente commissario liquidatore si era appropriato, indebitamente di 473.150 euro, prelevandoli dai conti correnti societari e versati su conti personali, mediante assegni tratti in favore proprio e del coniuge, nonché dell’ulteriore somma pari a 118mila euro, derivante dalla vendita dell’immobile adibito a sede dell’azienda.

L’indagato era già destinatario, nel marzo 2016, di un sequestro conservativo di beni fino alla concorrenza dell’importo di 500mila euro. A causa della prescrizione del reato di peculato per le condotte antecedenti al 2012, la Procura disposto il sequestro preventivo di beni fino al raggiungimento di 125mila euro.

     




LA NOMINA:

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Viste le risultanze della ispezione ordinaria in data 6 aprile 1994 effettuata nei confronti della societa' cooperativa "Cantina sociale Conca d'oro - Societa' cooperativa a responsabilita' limitata" gia' "Cantina sociale Crispiano", con sede in Crispiano (Taranto), in liquidazione, dalle quali si rileva che l'ente predetto non ha attivita' sufficienti per il pagamento dei debiti; Ritenuta la necessita' di sottoporre la cooperativa in parola alla procedura della liquidazione coatta amministrativa; Visti gli articoli 2540 del codice civile e 194 e seguenti del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267; Decreta: La societa' cooperativa "Cantina sociale Conca d'oro - Societa' cooperativa a responsabilita' limitata" gia' "Cantina sociale Crispiano", con sede in Crispiano (Taranto), in liquidazione, costituita per rogito notaio dott. Fausto Monticelli in data 15 luglio 1952, rep. n. 39257, e' posta in liquidazione coatta amministrativa ai sensi e per gli effetti di cui agli articoli 2540 del codice civile e 194 e seguenti del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267 e l'avv. Federico Simoncelli, nato il 4 ottobre 1952 a S. Maria Capua Vetere ed ivi residente in via Pezzella Pal. Rossetti, ne e' nominato commissario liquidatore. Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 14 gennaio 1995 Il Ministro: MASTELLA

 

federico simoncelli avvocato santa maria capua vetere sequestro
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.