Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

L' intera provincia piange la morte del Giudice Ferdinando Imposimato

02 / 01 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Ferdinando Imposimato è morto. Il magistrato si è spento questa mattina al Policlinico Gemelli di Roma. 82 anni di Maddaloni, magistrato e noto per il suo impegno politico e parlamentare – era stato eletto nelle liste del PCI da indipendente – era stato ricoverato nei giorni scorsi. Era presidente onorario della Corte di Cassazione, suo fratello Franco era stato ucciso dalla camorra nel 1983. 

Ferdinando Imposimato  è stato il vincitore delle ultime Quirinarie del M5S e candidato alla presidenza della Repubblica all’epoca della vittoria di Mattarella.

Imposimato è stato giudice istruttore di casi di primaria importanza come l’omicidio Moro e l’attentato a Papa Wojtyla. Come ogni giudice importante che si rispetti, ha avuto anche un’interessante carriera politica: nel 1987, come indipendente di sinistra, Imposimato venne eletto nelle liste del Partito Comunista Italiano al Senato della Repubblica e nel 1992 alla Camera dei deputati. Nel 1994 venne nuovamente eletto al Senato. Per tutte e tre legislature è stato membro della Commissione Antimafia e ha presentato numerosi disegni di legge sulla riforma dei servizi segreti, sugli appalti pubblici, sui trapianti, sui sequestri di persona, sui pentiti, sul terrorismo e sulla dissociazione. Successivamente è passato al Partito Democratico della Sinistra, per divenire poi il responsabile alla giustizia dei Socialisti Democratici Italiani. Ma è stato anche giudice di Forum, come ricordò qualche tempo fa Aldo Grasso.

© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.