Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

L' intera provincia piange la morte del Giudice Ferdinando Imposimato

02 / 01 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Ferdinando Imposimato è morto. Il magistrato si è spento questa mattina al Policlinico Gemelli di Roma. 82 anni di Maddaloni, magistrato e noto per il suo impegno politico e parlamentare – era stato eletto nelle liste del PCI da indipendente – era stato ricoverato nei giorni scorsi. Era presidente onorario della Corte di Cassazione, suo fratello Franco era stato ucciso dalla camorra nel 1983. 

Ferdinando Imposimato  è stato il vincitore delle ultime Quirinarie del M5S e candidato alla presidenza della Repubblica all’epoca della vittoria di Mattarella.

Imposimato è stato giudice istruttore di casi di primaria importanza come l’omicidio Moro e l’attentato a Papa Wojtyla. Come ogni giudice importante che si rispetti, ha avuto anche un’interessante carriera politica: nel 1987, come indipendente di sinistra, Imposimato venne eletto nelle liste del Partito Comunista Italiano al Senato della Repubblica e nel 1992 alla Camera dei deputati. Nel 1994 venne nuovamente eletto al Senato. Per tutte e tre legislature è stato membro della Commissione Antimafia e ha presentato numerosi disegni di legge sulla riforma dei servizi segreti, sugli appalti pubblici, sui trapianti, sui sequestri di persona, sui pentiti, sul terrorismo e sulla dissociazione. Successivamente è passato al Partito Democratico della Sinistra, per divenire poi il responsabile alla giustizia dei Socialisti Democratici Italiani. Ma è stato anche giudice di Forum, come ricordò qualche tempo fa Aldo Grasso.

© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it