Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

ARRESTATO IL MOSTRO | La fidanzata lo lascia, imprenditore la stupra e manda le foto su WhatsApp

30 / 04 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Aveva deciso di lasciarlo, lui per vendicarsi la picchia, la stupra e dopo averla filmata in atteggiamenti intimi, invia ai suoi amici i video. Per questo i carabinieri della Tenenza di Caviano hanno tratto in arresto nella giornata di ieri C.G., in esecuzione di un’ordinanza emessa dal gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere su richiesta della locale procura. Nei confronti dell’imprenditore si procede per i reati di stalking, violenza sessuale ed estorsione.

Le indagini sono nate dalla denuncia-querela presentata a marzo dalla vittima, la quale lamentava le condotte vessatorie, le continue richieste di natura estorsiva e le violenze sessuali subite dall’indagato, che agiva come ritorsione per la decisione della giovane madre di interrompere la loro relazione.

Da quel momento l’indagato, non tollerando la decisione a suo avviso inattesa della vittima, aveva iniziato a condurre una serie di condotte vessatorie contattandola reiteratamente tramite telefono e WhatsApp, costringendola con violenza a subire rapporti sessuali e pretendendo con minacce la restituzione delle somme in denaro corrispostele durante la loro relazione sentimentale.

L’imprenditore inoltre le prospettava, se la donna non avesse ceduto ai ricatti e deciso quindi di ‘tagliare i ponti’ con lui, la eventualità di diffondere tra amici e familiari una serie di fotografie che la ritraevano nuda e intenta a compiere atti sessuali con lui, allo scopo di danneggiarne l’immagine e di “rovinarla”. Una minaccia poi effettivamente realizzata, con le immagini diffuse tra diversi conoscenti della vittima. 

La versione dei fatti della vittima trovavano quindi pieno riscontro nelle dichiarazioni delle persone sentite dai carabinieri e le indagini condotte celermente dalla procura hanno consenti quindi di cristallizzare un quadro indiziario che ha portato all’esecuzione nei confronti di C.G. della misura cautelare della custodia in carcere presso la casa circondariale di Napoli Poggioreale.

 

VIOLENZA SESSUALE
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.