Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Il figlio del boss posta un commento a favore di Di Maio, il Pd all'assalto dei 5 Stelle

23 / 04 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Un post su Facebook scatena una violenta polemica contro il vice presidente della Camera Luigi Di Maio, esponente di punta dei 5 Stelle. Ad accendere la polemica è stata l’europarlamentare del Pd Pina Picierno che ha pubblicato la foto dellla visita del vice presidente della Camera nella città domizia con alcuni esponenti dei 5 Stelle locali, sottolinendo un commento spuntano su Facebook di Francesco Tiberio La Torre: “A Mondragone tra poco ci saranno le elezioni amministrative. A supportare la lista del M5S oggi è arrivato il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio. Il figlio del Boss La Torre commenta entusiasta su Facebook. Di Maio sa di chi si tratta? Sa che il figlio non ha mai preso le distanze dalla terribile storia criminale del padre? Che messaggio ritiene di inviare a chi a Mondragone si batte ogni giorno contro la camorra? Io spero con tutta me stessa che Di Maio voglia chiarire immediatamente da che parte sta. Sulla camorra non si scherza”.

A dare man forte alla Picierno c’è la presa di posizione anche del vice sindaco Benedetto Zoccola: “Paolo Borsellino, in una delle sue ultime interviste si sofferma sull'equivoco di fondo della politica italiana. I partiti non devono "soltanto essere onesti, ma apparire onesti”. Il politico colluso, amico, referente, compare di affari, testimone di nozze di un criminale non ha bisogno di una condanna per uscire dalla vita pubblica. Il suo messaggio era chiarissimo, una politica che sia decisa a contrastare la collusione e la corruzione della criminalità organizzata, deve determinare fatti che non abbiano toni di grigio. O con loro, o contro di loro; o nero o bianco. Fatto grave come quello che è accaduto oggi, dove un vicepresidente della camera appartenente ad un movimento che ha fatto della lotta alla corruzione il proprio mantra, si faccia sostenere sui social dal figlio del boss  Augusto La Torre, pluriomicida, è inaccettabile. E' un fatto di una gravità inaudita, ed è un messaggio devastante per la salvaguardia di un territorio. Sono personalmente indignato di questo accaduto, e come cittadino che ha scelto la strada della legalità, anche a rischio della propria vita, sono convinto che i partiti debbano operare una  grossa pulizia, se vogliono apporre al bavero la stella della legalità. Come diceva il giudice Paolo Borsellino, "non soltanto essere onesti, ma apparire onesti facendo pulizia al loro interno di tutti coloro che sono raggiunti comunque da episodi e fatti inquientanti...". Spero e ed esorto il vicepresidente Di Maio, a prendere le dovute distanze da queste persone”.

Infine anche il senatore membro della Commissione Antimafia Franco Mirabelli, attuale commissario provinciale del Pd Caserta, ha commentato l'accaduto: "Di Maio, Vicepresidente della Camera, una figura istituzionale che viene sostenuto sui social network dal figlio di un boss e in una città difficile come Mondragone e si fa la foto col nipote del boss stesso deve rispondere! Di Maio deve chiaramente prendere le distanze subito da questa gente, ne va della credibilità sua e delle istituzioni che rappresenta su un fronte decisivo come quello della lotta alla mafia".

mondragone elezioni 5 stelle luigi di maio pina picierno benedetto zoccola
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.