Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Sale operatorie occupate, muore 42enne. Carabinieri in ospedale a Caserta

16 / 03 / 2016

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Sei medici indagati ed un blitz all'ospedale di Caserta che rischia di allargare il cerchio delle indagini. La Procura di Napoli sta continuando ad indagare sulla morte di Francesca Napoletano, la 42enne di Bagnoli morta all'ospedale Monaldi proveniente dall'ospedale San Paolo. Tutte le 9 cardiochirurgie campane comunque (cinque pubbliche e quattro private accreditate) non avevano una sala operatoria libera nella notte tra l'8 e il 9 marzo e Francesca è morta dopo un'attesa di tre ore ed il trasferimento alle 6 del mattino al Monaldi, che aveva dato diniego al ricovero visto che le due sale chirurgiche dell'ospedale erano come detto entrambe impegnate. I familiari hanno presentato una denuncia che ha già portato l'iscrizione di 6 medici nel registro degli indagati: tutti in servizio all'ospedale San Paolo. Ma l'indagine non è chiusa. Anzi. Oggi i carabinieri si sono presentati anche all'ospedale di Caserta dove hanno sequestrato le registrazioni del 118 relative proprio alla notte tra l'8 ed il 9 marzo. Due telefonate nelle quale si chiede disponibilità di posti per un intervento urgente ed in entrambi i casi viene data risposta negativa. Ma il fatto che i militari si siano presentati a Caserta non è casuale: si mormora, infatti, tra i corridoi dell'ospedale che i parenti siano venuti a conoscenza che, in realtà, quella notte vi era la possibilità del trasferimento all'azienda ospedaliera Sant'Anna e San Sebastiano. Toccherà adesso agli inquirenti verificare se ciò che viene affermato a microfoni spenti sia o meno la realtà.

caserta ospedale francesca napoletano morta sale operatorie indagine
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.