Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

FURGONE BIANCO | Tentato rapimento di bambini. LA LETTERA DI UN PAPA'

14 / 10 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Dopo i numerosi avvistamenti e tentativi di rapimenti di bambini (?!), un papà ha cercato di sdrammatizzare la psicosi furgone bianco con una lettera.

Il Furgone bianco, visto da un papà:

Ho provato a trattenermi, ma non ci riesco più. Ho deciso di dire la mia sul furgone bianco che sta terrorizzando le mamme della provincia di Caserta ed anche qualcuna della provincia di Napoli. Non ho alcuna competenza in merito, come d'altronde la maggior parte delle persone che intervengono ogni giorno qui su facebook su tanti temi. Sia chiaro quindi, non c'entro niente con questa storia.

Non sono un poliziotto, non sono un investigatore privato, non uno psicologo, neanche uno psichiatra, non sono proprietario di un furgone bianco, non sono di colore, non sono rom. Ma sono padre di 3 bambini piccoli. Frequento quindi scuole, luoghi per bambini, luoghi per genitori con bambini piccoli e soprattutto tante, troppe, chat di whatsapp. 

Ho ricevuto decine di audio di mamme terrorizzate, decine di inviti alla prudenza, decine di copie di denunce, per carità reali, di genitori che raccontano alle forze dell'ordine quello che i propri figli hanno subito. Non voglio offendere nessuno, non voglio minimizzare né sdrammatizzare. Anzi io ci credo davvero a questa storia e, proprio per questo motivo, non mi rivolgo alle mamme in ansia, ma mi rivolgo direttamente a questa banda di rapitori di bambini del furgone bianco. 

Uagliù, stat' a nu'mes (ragazzi è un mese all'incirca) che tentate di rapire bambini fuori le scuole. Ci avete provato a San Cipriano d'Aversa, Casapesenna, Villa di Briano, Aversa, Marcianise, San Nicola la Strada, Caserta e in tanti altri paesi del casertano e del napoletano.

C'è un dato chiaro ed inequivocabile, che non dico io, ma dicono i fatti: nunn'è art'vostra, cagnat'mestier' (non siete capaci, cambiate lavoro). 
Ci stanno tanti lavori che vi potete inventare, perché vi siete fissati proprio a voler fare i rapitori di bambini sul furgone bianco? Anche io volevo giocare a basket, ma sono alto 1.61. Pazienza, uno si rassegna, se ne fa una ragione. 
E poi, cari rapitori di bambini del furgone bianco, davvero, ci sono tanti lavori che potete fare. Tanto per rimanere nel settore infanzia, apritevi una ludoteca e imparatevi la canzone “scarta la carta” che vi fate un sacco di soldi...

Scrivete un libro magari dal titolo “Manuale per le mamme ansiose: come combattere la paura del furgone bianco” oppure una autobiografia: “Volevo fare il rapitore di bambini sul furgone bianco. Storia di un fallimento”. Potrebbe funzionare, pensate a quante copie avreste venduto in questo periodo. 

Oppure uagliù, noleggio e vendita di furgoni di tutti i colori tranne bianchi. Tanto, a causa vostra, bianco non lo vuole più nessuno. 
Vabbè, comunque, basta scherzare. Io mi fido delle forze dell'ordine e quindi sono certo che appena uno di questi casi sarà anche minimamente confermato, saremo immediatamente avvertiti. 
Fino a quel momento pero' ragazze, mamme, amiche, BASTA! 

E poi pensate a quel povero corriere che ho incontrato stamattina nel suo furgone bianco. Si fa un mazzo così per consegnare pacchi e mi ha raccontato che da qualche giorno fa il doppio dei chilometri perché sta attento ad evitare tutte le scuole.

Sta cagato sotto. Ha paura che mentre parcheggia e apre il portellone per prendere il pacco, arriva qualche gruppo di mamme e lo massacra di botte. Tiene da una settimana un pacchetto per una preside di una scuola, ma continua a dire alla ditta che l'indirizzo del destinatario è sconosciuto. 

Abbiate compassione per queste persone e abbiate compassione per noi papà che stiamo nei gruppi whatsapp.

RAPIMENTO bambino furgone bianco
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.