Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

La Finanza scopre un 'tesoro' rubato dalle necropoli casertane

22 / 12 / 2016

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


La guardia di finanza di Napoli ha scoperto e sequestrato ad Acerra, all’interno di un’abitazione, numerosi oggetti di interesse archeologico. In particolare, i militari, nell’ambito di un’indagine in materia di armi ed esplosivo da cui scaturiva una perquisizione domiciliare nei confronto di un soggetto attenzionato, scrivano una collezione di oggetti antichi, soprattutto vasi ed anfore, conservati in una vetrina espositiva. L’immediato intervento richiesto al personale della Soprintendenza archeologica consentiva di accertare che gli oggetti (38 reperti in tutto, ci cui molti integri, alcuni ricostruiti ed altri restaurati) erano di sicuro interesse archeologico. Gli oggetti ceramici consistono in un insieme di vasi di diversa epoca risalenti tra l’VIII ed il IV secolo A.C., a produzione greca, romana ed etrusca, presumibilmente provenienti dalle necropoli di Capua, Suessola e Calatia. Al termine del servizio, il 60enne di Acerra nella cui abitazione sono stati trovati i reperti, veniva denunciato.

capua necropoli furti suessola calatia denunciato
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.