Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

GIALLO SULLA MORTE | Suicidio premeditato: una città sotto choc per la scomparsa di MarioPio. IL VIDEO

05 / 09 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


E' stato un suicidio premeditato quello di Mariopio Zarrillo il 22enne di Marcianise trovato morto ieri pomeriggio dopo 4 giorni di vane ricerche da parte di familiari e amici. Aveva acquistato la pistola, con la quale si esploso il colpo mortale alla testa, in un negozio di Teano alle 19.58 di venerdì 31 agosto, giorno in cui si sono perse le sue tracce. Lo testimoniano i movimenti della sua Poste Pay.

E, tra i documenti ritrovati, Mario Pio c'era anche un porto d'armi preso poco tempo fa. I familiari non ne erano a conoscenza. Il suicidio diventato un giallo anche alla luce della famosa telefonata che aveva fatto a un amico nel pomeriggio del 31 agosto scorso giorno della scomparsa, e con il quale si era confidato dicendo di avere paura perché aveva visto qualcosa che non doveva vedere. Tante' che i genitori, nel loro appello lanciato ai media, avevano piu' volte detto al figlio di non temere nulla e di ritornare a casa. E invece le sue ultime immagini, quelle con lo zaino in spalle, sono state riprese da una telecamere di sorveglianza a poche centinaia di metri da dove e' stato poi ritrovato senza vita.

Accanto al corpo del 22enne ieri pomeriggio è stato trovato anche il telefono cellulare che ora sarà al vaglio del perito nominato dalla Procura della Repubblica al pari del computer già sequestrato sabato dopo la scomparsa.

Appelli in televisione, sui sociale per le vie di Marcianise, poi ieri pomeriggio la tragica scoperta. Si e' conclusa nel peggiore dei modi la vicenda del 22enne che la sera di venerdi' si era allontanato con lo zaino in spalla da casa ed e' stato trovato in via San Francesco, in un casolare abbandonato.

La Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ha aperto un'inchiesta e ora controllando il suo telefonino cercercà di capire se MarioPio avesse appuntamento con qualcuno il giorno in cui si è suicidato e che probabilmente è la sera stessa della scomparsa. Potrebbe anche trattarsi di una istigazione ai suicidio ma gli investigatori e gli esperti di balistica vogliono anche capire se si sia trattato di un omicidio mascherato da suicidio.

Un mistero e una morte che hanno lasciato nel profondo sconforto familiari e amici e lo steso sindaco di Marcianise, Antonello Velardi che si era mobilitato per il suo ritrovamento e aveva lanciato appello sulla sua pagina Facebook.

mario pio zarrillo suicidio MARCIANISE
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.