Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

PIAZZA DI SPACCIO | Blitz dei carabinieri nell'appartamento: arrestato il basista. IL NOME

21 / 09 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Nella tarda serata di ieri i carabinieri della stazione di Macerata Campania, agli ordini del maresciallo Baldassarre Nero, hanno colpito durissimo allo spaccio di stupefacenti nella cittadina di Macerata Campania, nell’ambito di un’operazione che ha portato all’arresto di Giovanbattista Parretta, 29 anni, uno dei rampolli della famiglia Bifone.

I carabinieri hanno fatto irruzione nell’abitazione di via Trieste di Macerata dove vive il giovane, figlio di Rocco Parretta (tuttora detenuto) e di Angela Bifone, sorella del boss ora pentito Tonino Bifone detto “Zuzù”, e recentemente scarcerata.

Un’attività che ha portato ad un risultato importante: nel corso dell’ispezione gli uomini della Benemerita hanno infatti rinvenuto quasi tre chili di stupefacenti, oltre a un bilancino di precisione, materiale da taglio e denaro in contante, ritenuto dagli investigatori provento dell’attività di spaccio.

I rubinetti dello smercio di droga a Portico e dintorni per il weekend sono stati chiusi dai militari dell’Arma che nell’abitazione di via Trieste hanno rinvenuto e sequestrato circa 25 panetti di hashish e 50 grammi di cocaina.

Parretta dovrà ora comparire davanti al gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti: fu già arrestato nel 2013 per usura e estorsione e rimesso in libertà dopo aver scontato la pena.

Il blitz ha avvalorato l’ipotesi che la sua dimora si fosse trasformata in una vera e propria centrale di spaccio per i consumatori portichesi e non solo.

blitz carabinieri spaccio droga portico
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.