Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

GIOVANNI MUORE FULMINATO | Indagati l' amministratore di condominio e la ditta di manutenzione. IL NOME

08 / 08 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Un atto dovuto, l’iscrizione del registro degli indagati all’amministratore del condominio, Marcello Stanislao, in cui si è verificata la tragedia che ha portato alla terribile morte del giovane Giovanni Cepparulo e al titolare dell’impresa di manutenzione dell’illuminazione del parco residenziale. Prevedibile che l’autorità giudiziaria, Pm Vincenzo Quaranta, individuasse proprio nel legale rappresentante della gestione di tutti i beni condominiali e nella ditta scelta per la manutenzione degli impianti elettrici, impossibili, impresunti autori del reato di omicidio colposo in concorso.

L' INCIDENTE MORTALE - Giovanni è morto fulminato da un palo della luce, probabilmente utilizzato per appoggiarsi e scavalcare il cancello del parco dove abita la fidanzata. Stando ad una prima ricostruzione sarebbe questa la dinamica che ha provocato il decesso del 25enne Giovanni Cepparulo in via Della Valle, a Santa Maria Capua Vetere.

Sul posto, verso le 4:30 di questa mattina, sono intervenute ambulanze e vigili del fuoco, ma per il giovane non c’era più nulla da fare. Le indagini del locale commissariato sulla vicenda sono ancora in corso: probabilmente la fidanzata del ragazzo non aveva con sé le chiavi del cancello ma non voleva bussare alla porta per non svegliare i genitori. Giovanni avrebbe quindi scavalcato appoggiandosi al lampione, morendo folgorato da una scossa.

giovanni cepparulo morto fulminato lampione luce
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.