Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

POLITICA, CAMORRA & MUNNEZZA | L' indagine della DDA: verifiche sulla presenza dei clan

13 / 11 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Si tratta di un’inchiesta molto più ampia che riguarda diversi comuni della regione Campania quella che ha “colpito” stamattina anche il Comune di Caserta, con perquisizioni e sequestro di supporto informatico effettuato a casa di tre persone, oltre che negli uffici del sindaco Carlo Marino, del dirigente Marcello Iovino e di un dipendente dell’Ente. 

Non si è fermata solo a piazza Vanvitelli l’azione dei carabinieri del Noe che da questa mattina hanno perquisito case ed anche gli uffici comunali di Caserta su delega della Dda. I militari hanno infatti effettuato anche un’acquisizione di documenti anche nella sede distaccata della Caserma Sacchi, dove è ubicato l’ufficio Ecologia del Comune, dove una volta lavorava l’ex dirigente Sorbo.

La Procura di Napoli sta indagando su presunti "traffici organizzati di rifiuti, realizzati nel quadro di una vasta e ramificata attività di illecito condizionamento delle funzioni pubbliche deputate alla gestione del ciclo dei rifiuti in Campania e, in particolare, alla gestione degli appalti dei servizi di raccolta, trasporto e smaltimento affidata alle cure di amministrazioni comunali". Lo rende noto il procuratore Giovanni Melillo.

"Le indagini sono volte anche a verificare la presenza, in alcuni settori della filiera produttiva e con riguardo a specifiche ipotesi di fraudolento condizionamento delle aggiudicazioni di appalti e delle scelte di pubblici amministratori e funzionari, di soggetti d'impresa e di interessi della criminalità organizzata". Lo scrive, in una nota, il procuratore di Napoli Giovanni Melillo, in merito a una attività investigativa su presunti traffici organizzati di rifiuti e appalti.

La Procura di Napoli sta facendo eseguire verifiche dai carabinieri per la Tutela Ambientale, prosegue la nota, relativamente "ai comuni di Caserta, Aversa, Cardito, Casandrino, Sant'Arpino, Recale e Casalnuovo, tra il Napoletano e il Casertano.

Le verifiche riguardano anche società in house della Regione Campania (Campania Ambiente e Servizi spa) e della Città Metropolitana di Napoli (Sapna spa)

 

 

 

 

 

carabinieri dda comune caserta
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.