Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

MOVIDA VIOLENTA | Ragazza accerchiata da due immigrati. Tentano di rubarle il cellulare e picchiano gli amici

26 / 03 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Ancora violenzaalla durante la Movida aversana. Via del Seggio da tempo è diventata zona franca in cui tutto può succedere. Ne sa qualcosa Giuliano Piazza, testimone di un episodio incredibile di violenza avvenuto sabato sera, poco prima di mezzanotte.

“Erano le 23:30 quando un ragazzo di origine straniera cerca di prendere il telefono dalla borsa della mia amica. Lei, capendo che voleva prendersi il telefono, si gira e gli urla in faccia”. Il giovane racconta quindi che tre persone hanno rapidamente accerchiato la ragazza, prendendo a schiaffi un amico intervenuto per difenderla.

“Il ragazzo ovviamente reagisce ed inizia la rissa – racconta Giuliano - A un certo punto uno di loro riesce a fare una telefonata ad un amico e in un attimo da 3 sono passati a 20, iniziano a prendere bottiglie e altre cose del genere sui miei amici, che più di quello che stavano facendo non potevano fare. All’improvviso il vuoto, in un attimo non c’era nessuno, né i miei amici né gli extracomunitari, io in cerca dei miei amici vado in un posto, vicino al luogo in cui era partita la rissa, quando da un viale spuntano 10 di loro e ci chiedono se potevamo fare una chiamata. All’improvviso iniziano a correre verso di noi, uno di questi riesce a prendere un mio amico al quale ruba il cellulare e il portafogli, tutto come niente fosse, sotto gli occhi di tutti”.

Il racconto si chiude poi con “l’odissea” per chiedere l’intervento delle forze dell’ordine. I ragazzi hanno cercato di far intervenire i carabinieri e “dopo 10 minuti di attesa risponde un carabiniere, che mi reindirizza alla caserma di Aversa. Spiego l’accaduto ad uno di loro e dice che lo volante arriverà sul posto il prima possibile. Passano 14 minuti e dei carabinieri neanche l’ombra, come se niente fosse accaduto”.

 

movida violenta aversa
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.