Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

PIRATA DELLA STRADA | Identificato l' uomo che ha causato l' incidente e l' amputazione del braccio del motociclista. IL NOME

09 / 07 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Ubriaco e senza patente. Un sorpasso azzardato nel tentativo di evitare la lenta fila di auto sulla statale Appia, all' altezza di Cascano, nel tratto che porta verso il mare, ha invaso la corsia opposta urtando frontalmente la moto di un 25enne, Marco G., il cui braccio sinistro nell’impatto si è staccato di netto, è poi fuggito dopo aver abbandonato l’auto. Il giovane rimasto ferito è ricoverata in gravissime condizioni all’ospedale di Caserta.

Il “pirata della strada”, il 44enne Giuliano Tufano, di Sessa Aurunca, con numerosi precedenti per reati contro la persona, è stato fermato dalla Polizia di Stato per lesioni personali gravissime e il reato di recente introduzione di fuga del conducente in caso di lesioni personali stradali. Sottoposto ad alcol test e drug-test, è risultato positivo al primo esame; nel sangue gli è stato riscontrato un tasso alcolemico molto più alto rispetto a quello legale di 0,5.

Il giovane centauro è stato colpito in pieno, e la sua moto, una Kawasaky 750, ha preso fuoco dopo l’urto. Gli agenti sono intervenuti quasi subito e hanno trovato il 25enne riverso a terra privo di sensi, senza un braccio e una gamba ridotta molto male. Nei pressi della moto, c’era anche la Lancia dell’investitore ferma a bordo strada, ma del conducente non c’erano più tracce. L' amico 24enne, che viaggiava con lui a bordo di un' altra moto, è stato colpito ad un braccio riportando escoriazioni guaribili in 10 giorni.
 
I presenti al drammatico incidente sono stato indispensabili per  la ricostruzione della dinamica dell' incidente e dell' individuazione del fuggitivo.
 
 

 

incidente cascano baia domizia sessa aurunca moto
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.