Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

GIUSTIZIA FAI DA TE | Tentato omicidio: andranno a processo parcheggiatore abusivo e figlio

30 / 03 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Finiranno davanti al giudice il 45enne Giuseppe Rinaldi ed il figlio 20enne Gianfranco Rinaldi, per il tentato omicidio di B.F.J., di appena 17 anni di Marcianise. Giuseppe più noto come 'Peppe 'a Tigre' e vive con i guadagni del parcheggio abusivo delle auto.

I fatti si sono verificati la sera del 21 ottobre scorso quando Gianfranco Rinaldi aggredì un giovane minorenne di Caivano in piazza Margherita, provocandogli una copiosa perdita di sangue dal naso. A quel punto B.F.J. intervenne per "vendicare" l'amico colpendo il rivale con una bottiglia alla testa. Poi, temendo una reazione, salì in sella al suo scooter, un Beverly 250, e scappò via. 

Gianfranco Rinaldi chiamò suo padre Giuseppe, per farsi giustizia da solo. I due a bordo di una Citroen C3 inseguirono il giovane fino a raggiungerlo, nella zona di via Retella a Capodrise, e speronarlo con l'auto.  Il ragazzo, volò dallo scooter cadendo rovinosamente sull'asfalto. I due, a quel punto, si dileguarono lasciandolo a terra in gravissime condizioni.  

Il gip Rosaria Dello Stritto ha accolto la richiesta avanzata dal pubblico ministero Mariangela Condello della Procura di Santa Maria Capua Vetere con il processo che si aprirà dinanzi alla prima sezione (Collegio B) del tribunale sammaritano a metà aprile.

 



 

 

Giuseppe Rinaldi PARCHEGGIATORE ABUSIVO CASERTA
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.