Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

TRUFFATORE SERIALE | Falso Capitano: prima carabiniere, poi finanziere e magistrato. Decine le vittime. IL NOME

11 / 12 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


E' stato arrestato Giuseppe Vinciguerra, truffatore seriale già noto alle forze dell' ordine. Il 34enne di Maddaloni, in libertà da circa un anno, è ritornato in cella. E' stato raggiunto da un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal tribunale di Potenza ed eseguita dai carabinieri della stazione di Maddaloni. Dovrà scontare, almeno per il momento, un anno di reclusione anche se nei suoi confronti sono aperti diversi procedimenti.

Vinciguerra, pluripregiudicato, accusato di truffa ma soprattutto di essersi spacciato per quattro anni consecutivi per capitano dei carabinieri, poi per finanziere ed addirittura per magistrato, fino a venerdì scorso era libero. L'uomo, con una storia di truffe alle spalle assai complessa e ingarbugliata, sarebbe riuscito a raggirare numerose vittime non solo facendosi accreditare i soldi ottenuti come prestito su una carta postpay, ma anche promettendo ai truffati un posto di lavoro.

Nel particolare, secondo quanto è emerso dalle indagini condotte qualche anno fa dal gruppo di magistrati della sezione "reati di allarme sociale" della Procura di Santa Maria Capua Vetere, Vinciguerra utilizzava delle tecniche ben precise per ingannare le ignare vittime. Dopo aver intrattenuto sporadici contatti con la persona individuata come possibile vittima, facendole capire di non avere disponibilità economica, la richiedeva alla stessa, promettendole poi di restituirla al più presto.

La vittima della truffa, confidando nel fatto che il pagamento fosse destinato ad un ufficiale dell'Arma, accettava di accreditare il denaro richiesto sul numero una postpay, indicatogli dal falso capitano e, solo dopo, a seguito dei continui solleciti rimasti inascoltati, riusciva a rendersi conto di essere stata truffata.

GIUSEPPE VINCIGUERRA TRUFFATORE maddaloni
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.