Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

I RACCONTI DI BELFORTE «Vi svelo quando è iniziata la guerra sanguinaria coi Quaqquaroni»

10 / 05 / 2015

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


L'agguato a Paolo Cutillo, nel quale perse la vita Giuseppe Russo o metronotte, sancisce di fatto la fine della pace creata a Marcianise tra i clan dei Mazzacane e quello dei Quaqquaroni. A raccontarlo è Salvatore Belforte negli ultimi verbali di dichiarazioni rilasciati al pm della Dda Luigi Landolfi: «Subito dopo l'agguato a Paolo Cutillo, Antimino Piccolo si incontrò con Mino Musone e lo cercò di convincere che era stato lui ad eseguire l'agguato a Paolo Cutillo con Raffaele Viciglione e Michele Martellone, chiedendo a Mino Musone di schierarsi con loro. Musone non credette al racconto e qualche giorno dopo si incontro con Paolo Cutillo e mio fratello Domenico e si fece spiegare da Cutillo come erano andati i fatti. Quest'ultimo racconto di aver visto Antonio Delli Paoli detto o pullastriello, Antimo  Perreca detto o roman e Riccardo Russo. Pertanto Cutillo, insieme a Mino Musone e mio fratello Domenico decisero che era giunto il momento di reagire e di dar vita ad un gruppo che si contrapponesse a Delli Paoli, tradizionalmente legato ai Casalesi.  Prima della formazione dei due gruppi contrapposti e dell'inizio della sanguinosa guerra che ha caratterizzato la mia storia criminale, vi fu un altro tentativo di rappacificazione tra le due fazioni. In particolare Musone organizzò a casa sua un incontro con Antimino Piccolo e Raffaele Viciglione al quale partecipai anche io. Nel corso dell'incontro io dissi ad Piccolo e Viciglione che l'unica soluzione per evitare una guerra era che  avrebbe dovuto farci uccidere Antonio Delli Paoli. Solo ciò avrebbe potuto consentire un'effettiva rappacificazione in quanto Delli Paoli con l'agguato a Paolo Cutillo aveva rotto la tregua che era stata sancita a casa di Mario Froncillo. Antimino però rifiutò la richiesta ed anche Raffaele Viciglione decise di restare con Delli Paoli, per questo motivo io gli annunciai che lo avrei ucciso, come poi ho fatto».

marcianise salvatore belforte dichiarazioni pentito guerra quaqquaroni
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.