Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Idrico, ecco la mossa a sorpresa di Di Biasio per fermare il blitz di Zinzi

25 / 04 / 2015

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Colpo di scena a meno di una settimana dalla riunione dell'assemblea dei soci del Consorzio Idrico Terra di Lavoro per eleggere i nuovi organismi. Il presidente del consiglio di amministrazione ancora in carica, Pasquale Di Biasio (area Pd), nella giornata di venerdì ha inviato una nota ufficiale al vice presidente dell'assemblea dei soci Luigi Munno (anche lui Pd, sindaco di Macerata) affidandogli i poteri di presidente facente funzione. 

Di Biasio, che stava studiando l'opportunità di fare ricorso al Tar Campania per fermare la convocazione dell'assemblea dei soci dell'Idrico, effettuata dal presidente dell'assemblea Giancarlo L'Arco per il 30 aprile, ha infatti scoperto che l'attuale presidente dell'assemblea, quando fu eletto nel luglio scorso, non aveva le 'qualità' per essere nominato tale, perché non era un rappresentante dei comuni, bensì solo un delegato per quella riunione specifica e, quindi, non eleggibile a presidente dell'assemblea dei soci. 

Con questa mossa, dunque, Di Biasio ha eliminato L'Arco affidando tutto nelle mani di Munno al quale, adesso, spetterà l'ultima decisione sulla riunione dell'assemblea dei soci di giovedì, per la quale c'è una sola lista di candidati presentata, quella del presidente della Provincia Domenico Zinzi d'intesa col consigliere regionale Paolo Romano, che prevede Pier Giorgio Mazzuoccolo di Pignataro presidente, Pietro Casella di Caserta vice, Franco Cervo di Aversa, Andrea De Filippo di Maddaloni e Giuseppe Piccirillo di Portico nel cda (questi ultimi due sono in quota Nuovo Centro Destra). 

Facile prevedere che Munno, anche seguendo l'indicazione del consiglio provinciale, che ha approvato una mozione per chiedere lo spostamento dell'elezione del cda a dopo il 31 maggio, possa annullare la convocazione dell'assemblea di giovedì a dopo la tornata elettorale. E sarebbe uno smacco non da poco per il presidente Zinzi che si era giocato l'ultima carta da guida della Provincia per dare maggiore forza alla campagna elettorale del figlio Gianpiero, candidato alle elezioni regionali con Forza Italia.

consorzio idrico caserta elezioni presidente luigi munno domenico zinzi
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.