Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Il consigliere comunale di Santa Maria Capua Vetere Rauso: ‘La città sta morendo’

29 / 06 / 2013

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Salvare il soldato Ryan era un obbligo, una missione da portare a termine assolutamente, per chi ha creduto in lui e ha fatto si che assurgesse al posto che occupa. Ma  il nostro soldato, che oramai è diventato un “dead man walking” non ha voluto farsi salvare. L'onore ormai è perso e la pantomina delle minacciate dimissioni per scongiurare lo smembramento del Tribunale o le marce su Roma tardive  non servono a recuperare la credibilità persa per troppi ritardi e per le distrazioni dovute alle corse  affannose per rincorrere la cementificazione della città. Chi lo ha ucciso ha l’illusione di una vittoria , ma gli stessi assassini dell’unica speranza che era rimasta a questa città, non potranno mai essere dei vincitori. A loro chiederanno  conto di 20 anni di saccheggi, anni in cui una cittadina dall'economia solida è stata ridotta l'ombra di se stessa; una cittadina di commercianti, una cittadina in cui 6mila persone varcavano quotidianamente la soglia di stabilimenti industriali fiore all'occhiello della Campania.  Oggi questa cittadina è uno scheletro spolpato e sfruttato dai “barbari colonizzatori”; una città in preda alla fame divoratrice cieca e violenta dei casalesi che qui vengono a sfamarsi, lasciando poi la cucina vuota ed in subbuglio. E se pure ci dovesse essere qualche sopravvissuto, qualche ferito, nemmeno sarebbe possibile curarlo... il vecchio ospedale  è ridotto, oramai , a  poco più che un ambulatorio veterinario. Proprio in questo  momento in cui sarebbe più necessario un ospedale con una forte presenza  oncologica per contrastare gli effetti mortali che sta avendo la presenza sul territorio dell'antica Capua, del CDR che voi avete voluto. Oggi , in questa gloriosa città, non sarà nemmeno più possibile nascere. La fame causata dal saccheggio che VOI avete perpetrato, con i vostri amici  palazzinari, si porta dietro gli spettri della delinquenza, dello spaccio di droga della violenza, della disperazione. Che importa che tante  anime siano disperate ? Devono  pagare, darvi profitto : che si tratti di costruire case in piena zona industriale( ex tabacchificio o ex Italtel);  poco importa o che si tratti di  costringere a i proprietari a svendere le terre; la  gente disperata vede in pochi spiccioli  ricavati dalle forzate vendite, l'unica possibilità di non soccombere. Gli affaristi della distruzione ingrassano divorando ricchezze dei veri sammaritani , per  andare a godersi la vita altrove, a Napoli ad Aversa o a Casale,  in costa Smeralda ...mentre qui resteranno famiglie impossibilitate a mettere il piatto di minestra sulla tavola dei propri figli; famiglie derubate anche di quel pezzo di formaggio che mensilmente trovavano nel pacco e che si  ritiravano tra la vergogna e l'umiliazione in cima alle scale del palazzo comunale dove vanno ad elemosinare un contributo o un posto di lavoro.  La tavola imbandita da questi sciacalli della politica, è piena di sole ossa spolpate. Ormai per i sammaritani è un inferno ed i soldi  dei contribuenti che servono a pagare le persone assunte per clientelismo e per pagare  fitti  di strutture  clonate  come  Uffici Giudiziari o consulenze dorate a tecnici  compiacenti e che proni dicono sempre si. Coloro che hanno coartato la volontà e le azioni del soldato Ryan sapendo che lo avrebbero mandato a morire non resteranno ancora una volta impuniti. Il Pd,  i Socialisti  ed i pseudo Rinnovatori  non potranno più uscirsene immacolati dopo aver scaricato tutte le loro responsabilità sul burattino di turno. Per loro arriverà  il momento di rendere conto. I cittadini , noi vogliamo sapere come e  perchè hanno reso carta straccia il documento che è stato alla base della  vittoria elettorale delle civiche associazioni;  non uno di quei punti è stato onorato, non uno degli impegni rispettato. Dovranno spiegare perchè  non hanno  dato seguito ai programmi che prevedevano sviluppo della città e non la cementificazione selvaggia . In quei famosi incontri preelettorali  avevano  assicurato che concordavano  con le Associazioni  e con i sammaritani su tutti sui  punti più importanti del programma ed avevano sacramentato e giurato che avrebbero rispettato i patti e le aspettative del popolo. E queste menzogne le hanno riproposte quando speravano di avere un posto alla Camera dei Deputati o al Senato. Non ve la perdoneremo come abbiamo perdonata a Giudicianni ed ai suoi accoliti il loro tradimento, perchè mai pensavate che questa volta sarebbe stato diverso? Presto dovranno rendere conto agli elettori che negheranno  loro, di sicuro, l'appoggio  elettorale che non hanno meritato. Perchè mai dovrebbero credervi ancora una volta dopo che hanno dato la prova di essere stati sempre dietro ogni stravolgimento dei progetti crescita della città e sempre pronti ad appoggiare speculatori e palazzinari? Dovranno pur pagare le loro  colpe ed i danni che hanno arrecato alla città ed alla sua popolazione.
Gaetano Rauso, consigliere comunale Udc di Santa Maria Capua Vetere
comune santa maria capua vetere gaetano rauso udc udc citta`
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.