Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

IL PAPA A CASERTA Il maltempo rallenta i lavori alla Reggia. 3mila posti a sedere: ecco a chi spetteranno

22 / 07 / 2014

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Ora si accelera. Caserta è tutta un fremito per la visita del Santo Padre prevista per sabato 26 luglio nel Capoluogo, con la Santa Messa organizzata davanti alla Reggia. E proprio nei campetti si sta lavorando sodo per risolvere i problemi presenti (grate assenti ed alcuni pezzi di basalto che devono essere sistemati). Ma il tempo di questo inizio settimana certamente non sta aiutando i dipendenti della Cqm che sono alle prese con un lavoro duro e che, oltretutto, hanno i minuti contanti. Anche perché, per sabato mattina, dovrà essere tutto pronto visto che si prospetta l'arrivo di 300mila persona (ma il numero, secondo la Curia, potrebbe anche salire) per assistere alla Santa Messa di Papa Francesco.

Il palco. Sul palco che sarà sistemato davanti alla Reggia di Caserta troveranno posto il Papa che siederà sulla poltrona settecentesca del vescovo ospitata nel Duomo. Accanto a Bergoglio ci saranno il cardinale Crescenzio Sepe e il vescovo Giovanni D'Alise. I posti a sedere saranno 3250 che dovranno essere assegnati a poveri, ammalati, disabili, che occuperanno il centro della platea. Ci saranno poi settori riservati ai sacerdoti e alle suore. Davanti all'altare don Battista Marello collocherà la reliquia della croce di Giovanni Paolo II, che sarà poi benedetta durante la Messa e custodita nella cripta della cattedrale. Nuovi dettagli anche per la logistica dell'arrivo del Papa. Dopo l'atterraggio e l'incontro con i sacerdoti, Bergoglio uscirà dal portone centrale della Reggia a bordo della Papamobile e farà il giro fino a metà dell'emiciclo, dove troveranno posto migliaia di fedeli. Poi dal centro della piazza raggiungerà il palco a piedi.
caserta papa francesco reggia lavori lavori posti a sedere
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.