Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Il Pdl vince ancora. Tra inchieste, ribaltoni e crisi politiche.Caserta frena l`anti politica

08 / 05 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Tracollo del Pdl. Centrodestra in frantumi. Sono questi, in tutta Italia, i titoloni che impazzano sui quotidiani. In tutta Italia, ma tranne a Caserta. Già, perchè ancora una volta la provincia di Terra di Lavoro dimostra di essere l' unica, vera, solida roccaforte del Pdl nello Stivale. In realtà, in tutta la Campania, il centrodestra ha retto bene, ma comunque ha perso città importanti come Pozzuoli e Torre del Greco andate al centrosinistra. A Caserta, invece, il Pdl regge . Anzi, fa meglio di tutti. Conquista le due città più importanti (Aversa e Mondragone) per la gioia del  coordinatore provinciale Giuliano e del sub commissario Landolfi. Fa sfraceli nei piccoli comuni soprattutto con le liste civiche organizzate dal consigliere regionale Angelo Polverino (Lavornia con Dragoni Più, Pascarella con Valle Più e Mallardo con San Gregorio più sono stati eletti sindaci) ed annichilisce gli avversari. Il vento dell'antipolitica qui non è arrivato. I 'grillini' a Caserta non si sono neanche affacciati e dove lo hanno fatto in Campania non hanno ottenuto alcun risultato. Ed allora la domanda sorge spontanea: perchè ? Eppure, proprio in Campania, c' era di tutto per un tracollo annunciato. Le inchieste della magistratura, le spaccature politiche, la crisi in Regione e Provincia. I ragionamenti da fare sono questi:  il voto, in Campania, ma soprattutto a Caserta, è ancora condizionato da fattori esterni che vanno ben oltre le logiche politiche  o  a Caserta ed in Campania, i politici del Pdl hanno risposto meglio rispetto ai loro avversari (come da analisi del voto dell' on. Stefano Graziano e  on. Pina Picierno ed il loro j'accuse nei confronti della segreteria provinciale) ad un posizionamento strategico politico, accettando anche sconfitte parziali, evitando inutili frammentazioni per godere del successo finale.  Il dato di Aversa potrebbe essere emblematico. Il senatore Giuliano pur di non perdere una roccaforte ha 'concesso' la candidatura a sindaco a Giuseppe Sagliocco, suo nemico storico, che orbita nell'area socialista di Caldoro. Ha ceduto la poltrona di generale, ma è riuscito a conquistare sette posti da colonnello (i consiglieri Pdl) che ora faranno imporre le proprie idee. Caserta è un vero e proprio caso politico rispetto alle tendenze nazionali, almeno per il Pdl. Intanto, ad una settimana dal congresso provinciale del Pdl a Caserta, c' è un'altra domanda che inizia a circolare: come si fa, adesso, ad imporre la sostituzione di Pasquale Giuliano ?
Caserta Politica Aversa elezioni 2012 elezioni 2012 Salute
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.