Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

IL DOCUMEMTO | Crisi a Marcianise: 5 consiglieri escono dalla maggioranza

06 / 09 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Mentre la Guardia di Finanza eseguiva le custodie cautelari per Gennaro Spasiano, attuale dirigente comunale di Marcianise, un altro terremoto, stavolta tutto politico, si è abbattuto sull’amministrazione di Antonello Velardi. Cinque consiglieri hanno protocollato un documento in cui annunciano l’uscita dalla maggioranza.

Si tratta di Luciano Buonanno, Telia Frattolillo, Gennaro Laurenza, Tommaso Acconcia e Vincenzo Galantuomo. Si rompe dunque il fronte del Partito Democratico, con la corrente di Telia Frattolillo che interrompe le trattative per la nuova giunta e va via sbattendo la porta. Restano sulle posizioni di attesa invece gli altri DEM, tra cui Raffaele Guerriero e Antimo Rondello.

Continueremo a rispettare il mandato elettorale senza più vincoli con la maggioranza scrivono in una nota firmata anche da Enzo Galantuomo di Città Nuova e da Luciano Buonanno e Tommaso Acconcia di Campania in Movimento. Senza questi cinque voti, infatti, la maggioranza rischia di non avere più i numeri già dal prossimo consiglio comunale, anche perchè i “mal di pancia” non riguarderebbero solo i cinque ribelli. Altri gruppi sono pronti a sfilarsi nel caso la situazione di stasi venutasi a creare dopo le voci di un rimpasto dovesse proseguire.

Numericamente Velardi sembra ormai all’angolo, con una maggioranza traballante. Le spaccature erano già emerse in due recenti incontri dei democratici che avevano portato a un nulla di fatto. Altre forze della coalizione erano in attesa infatti di una posizione definitiva sull’eventuale nuova giunta, ma il solco scavato dal duello verbale d’agosto tra il primo cittadino e il segretario cittadino del Pd Angelo Raucci, era evidentemente ancora più profondo di quello che già le parole al veleno apparse sui social lasciavano intravedere.

IL DOCUMENTO

crisi politica marcianise antonello velardi
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.