Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Il mercato delle materie prime e l'investimento sull’oro

19 / 07 / 2020

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


La maggior parte degli investitori alle prime esperienze, inizia a operare concentrandosi su azioni, fondi negoziati in borsa e fondi comuni d’investimento, tralasciando quelle classi di attività più sofisticate che possono essere difficili da comprendere appieno inizialmente. Tuttavia, man mano che si acquisisce esperienza, ha senso cominciare a valutare bene tutti i prodotti finanziari che sono quotati sui mercati.

È il caso delle materie prime. Investire in questa tipologia di prodotti richiede un po’più di esperienza poiché le soluzioni per negoziarle risultano essere numerose e variegate. Chi investe in materie prime, infatti, di solito non compera materialmente il bene ma opera su dei contratti finanziari.

Tra le materie prime predilette dagli investitori vi sono: metalli, metalli preziosi, prodotti agricoli, idrocarburi. In Borsa questi beni vengono detti commodity, ovvero materiali presenti in natura utili a produrre altri beni o sevizi, e possono essere usati anche come merce di scambio in ambito finanziario.

Per investire in materie prime è necessario, come per ogni prodotto quotato sui mercati, registrarsi presso un broker e operare tramite la piattaforma di trading online che sarà messa a disposizione del cliente. Tra i motivi che spingono gli investitori a speculare su questi prodotti vi è la possibilità di diversificare facilmente il portafoglio e la capacità delle materie prime di mantenere un valore stabile, all’infuori da chi le produce.

Inoltre gli investimenti in materie prime possono proteggere gli investitori dagli effetti dell’inflazione, poiché generalmente la loro domanda tende ad avere un movimento rialzista nei periodi di difficoltà economica, e questo ne spinge verso l’alto i prezzi, configurandosi così come una buona riserva di valore.

Il mercato dell’oro

Come accennato in precedenza, con il termine “materia prima” si indica un bene presente in natura dalla cui lavorazione si può ricavare un altro bene. Le materie prime possono essere di tipo biologico o minerale: nel primo caso si parla di sostanze di origine vegetale o animale che si rinnovano grazie ai cicli degli organismi viventi, nel secondo caso sono sostanze non rinnovabili e derivano dai minerali.

È bene ricordare che il commercio delle materie prime risale a secoli fa e collegava terre e culture molto diverse fra loro. Lo scambio delle spezie e in seguito quello dei metalli preziosi, ha reso possibile il progresso e lo sviluppo della società umana. Le materie prime sono e saranno sempre beni fondamentali altamente negoziabili.

I metalli preziosi e gli idrocarburi, questi ultimi riconosciuti come importanti fonti di energia, sono forse quelle materie che oggi destano il maggiore interesse tra i grandi e piccoli investitori e attualmente, sono molte le persone che decidono di fare investimenti in borsa basati sull'oro, come sul petrolio.

Per quanto riguarda il mercato dell’oro, questo è caratterizzato da diversità e crescita e per tale motivo risulta essere molto attivo. Il metallo prezioso viene infatti impiegato in gioielleria e in numerose lavorazioni industriali, dall’ambito tecnologico a quello della sanità e dunque dimostra una varietà e diversità di applicazioni.

Inoltre, risulta essere tutt’oggi un bene riconoscibile e accettabile come forma di pagamento, e svolge ancora in buona parte la funzione di denaro. Il valore dell’oro è riuscito a mantenere una quotazione piuttosto stabile nel passare del tempo e perciò è utilizzato anche come riserva monetaria a livello internazionale.

Come investire sull’oro

Quando si sceglie di investire sull’oro, è possibile operare sulla materia prima fisica o sullo strumento finanziario. L’oro fisico è rappresentato da monete e lingotti, mentre l’oro finanziario è rappresentato dal suo prezzo.

Investire nell’oro tramite strumenti finanziari è l’opzione più comune, e significa dunque operare sul suo andamento di valore. Per farlo è possibile operare tramite i Contratti per differenza, gli ETF e i Futures. Tutte queste opzioni sono messa a disposizione dalle società di brokeraggio, le quali faranno da intermediario far i mercati e gli investitori.

sull’oro

© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.