Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Il 'Modigliani' dei pizzaioli a Casale per la 'prima' del centro nella villa confiscata a Mario Caterino

29 / 06 / 2015

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Alla fine, Gino Sorbillo, il "Modigliani" dei pizzaioli italiani, ha impastato, infornato e servito la pizza a tutti. Non poteva avere un epilogo piu' gustoso l'inaugurazione del Centro "Don Milani", avvenuta, questa mattina, in via Giocosa, a Casal Di Principe. Bene confiscato a Mario Caterino, uomo di Francesco Sandokan Schiavone, il "Don Milani" e' centro di avviamento al lavoro artigianale: ospita un ristorante-pizzeria, gestito da Peppe Pagano della Nuova Cucina Organizzata (Nco), con annesso un laboratorio di ceramiche da cucina. E' stato ideato dal consorzio Agrorinasce in collaborazione con il Provveditorato Regionale per l’Amministrazione Penitenziaria della Campania e il Centro giustizia minorile, con l'obiettivo di dare un'occasione di formazione e di lavoro ad ex detenuti per reati non gravi. Il Centro sara' condotto da un raggruppamento di quattro imprese sociali, le cooperative "Agropoli" (capofila), "Osiride", "Eureka" e "Un fiore per la vita", ma sara' aperto anche al pubblico ed ai bambini. Al taglio del nastro, il sindaco di Casal di Principe, Renato Natale, il presidente di Agrorinasce, Immacolata Fedele, e lo stesso Sorbillo. Presenti, tra gli altri, il giornalista Sandro Ruotolo, inviato di "Anno zero", l'ex consigliere regionale Antonio Amato, Domenico Paonessa, Gianni Solina, Camilla Bernabei e don Maurizio Patriciello.  A fare gli onori di casa, Giovanni Allucci, amministratore del consorzio: "Siamo felicissimi di poter riaprire le porte di questo bene confiscato alla camorra, di poterlo restituire alla cittadinanza e di poter aiutare in questo modo detenuti, sia minori che giovani, che potranno in questo modo avviare un processo rieducativo grazie a questa struttura", ha detto Allucci. "Da sindaco e da cittadino - ha aggiunto Natale - esprimo viva soddisfazione per l'inaugurazione di oggi. In questo luogo, possiamo finalmente far valere i nostri valori, possiamo ricostruire delle vere attività economiche negli stessi luoghi in cui avevavo ucciso la nostra economia. Su tutto, poi, c'è la soddisfazione del modo in cui queste attività sono nate, e cioè dall'impegno forte e deciso della comunità locale, vera protagonista di questa rinascita". "Oggi si rinnova la nostra scommessa - ha dichiarato Peppe Pagano - quando inaugurammo la nostra struttura a San Cipriano pensavamo di non farcela. Con soddisfazione invece inauguriamo un altro bene liberato, come ama definirlo il sindaco. Quel cancello restera' sempre aperto e presto doteremo la struttura di giochi per bambini. Continueremo a sfinire le istituzioni affinche' i beni confiscati diventino il punto di partenza per la rinascita e la promozione delle nostre eccellenze". "Ho colto al volo l'occasione di utilizzare la mozzarella di bufala della cooperativa "Don Peppe Diana", creando una pizza che ho chiamato "Bufala libera" - ha dichiarato Gino Sorbillo-. Presto creeremo anche la pizza Nco". Il "Don Milani" e' il primo dei quattro beni confiscati che Agrorisce restituisce alla comunita'. Nel pomeriggio, alle 18, in via Vaticale, a Santa Maria La Fossa, in località Ferrandelle, si terra', la festa di fine lavori del "Centro di educazione e documentazione ambientale" e dell'isola ecologica, sorti in un complesso agricolo confiscato a Francesco Sandokan Schiavone. Domani, poi, cittadini e istituzioni si trasferiranno nella vicina Casapesenna, per un altro doppio appuntamento: alle 11, in via Raffaello, IV traversa, 5, l'inaugurazione dell’ostello della gioventu', "Il Paguro", e, alle 18, in via Cagliari, 11, la festa di chiusura dei lavori del "Centro di aggregazione giovanile per l’arte e la cultura".    

casal di principe gino sorbillo pizza don milani casapesenna camorra
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.