Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

In Ferrari e 11 figli per 'far bella figura' a un matrimonio: scappano senza pagare il pedaggio. Denunciata la donna e scoprone che ....

30 / 05 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Per ‘far bella figura’ a un matrimonio al quale vi si stavano recando in Ferrari. Senza però “scordarsi” di pagare il pedaggio in autostrada. Per questo motivo la Polizia di Stato ha denunciato una donna italiana, M.H, 32enne casertana di nascita, senza fissa dimora e destinataria di un’ordinanza di custodia cautelare per criminalità organizzata.

Secondo quanto ricostruito, sfruttando la scia di una vettura che la precedeva, l'auto di lusso è uscita dalla barriera autostradale del Lisert , dirigendosi verso Monfalcone. L’evidente infrazione è stata notata da una Volante del Commissariato di P.S. di Duino Aurisina e da un equipaggio della Compagnia dei Carabinieri di Monfalcone che stavano effettuando in zona un’attività congiunta atta al controllo della circolazione stradale.

La Ferrari è stata dunque fermata, e il conducente, M.C., 34enne nato a Milano e residente in provincia di Roma, ha spiegato agli agenti di non essersi fermato alla barriera dovendo portare la compagna, M.H., all’ospedale per una necessità sanitaria.

Così sono state le forze dell’ordine a portarla al nosocomio più vicino. Ma dai controlli successivi è emersa a carico della donna anche l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare disposta dalla Procura della Repubblica di Milano per criminalità organizzata, nonché la misura della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza. La donna, avendo 11 figli di cui uno di età inferiore a un anno, non è stata arrestata: sospesa la misura restrittiva in carcere, è stata deferita in stato di libertà.

Il marito, già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio e altro, è stato multato per l’elusione del pedaggio in barriera.

ferrari autostrada
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.