Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

L’incendio dei Colli Tifatini. Marino: «Opera di criminali». Zinzi: «mezzi guasti, deficienze inaccettabili»

19 / 08 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


«Ancora una volta una mano criminale ha deciso di dare fuoco al nostro territorio». Ad affermarlo è il sindaco di Caserta, Carlo Marino, intervenuto sull’ennesimo disastro ambientale scoppiato ieri pomeriggio nella zona collinare del capoluogo.

Le fiamme hanno interessato le zone di Puccianiello, Mezzano, il bosco dell’Oasi di San Silvestro e Casertavecchia. Il fuoco si è esteso anche grazie al vento e alla grande quantità di erba secca presente nell’area collinare, oggetto dell’incendio.

«Stavolta sono state colpite le colline della città – ha proseguito Marino –. Subito sul posto si è portata una pattuglia della Polizia Municipale, per assicurarsi che le fiamme non arrivino in prossimità delle case. Immediatamente si sono mossi i Vigili del Fuoco, che già stanno lavorando a pieno ritmo. Speriamo tutti che i delinquenti responsabili di questo scempio siano arrestati quanto prima e condannati a pene esemplari».

Sulla questione si è espresso anche il consigliere regionale e coordinatore provinciale di Forza Italia, Gianpiero Zinzi: «In piena emergenza roghi, la Regione Campania ha mezzi antincendio guasti ed elicotteri indisponibili. Se è una barzelletta De Luca ce lo dica subito, soprattutto perché qui non ride nessuno. Ancora una volta i vigili del fuoco sono stati lasciati soli a fronteggiare un’emergenza che la Giunta dimostra di aver preso sottogamba. L’incendio sviluppatosi sulle colline di Caserta ha messo nuovamente in luce l’approssimazione con la quale il Governo regionale ha affrontato le attività di prevenzione contro gli incendi boschivi. Le deficienze del ‘sistema antincendio’ rivelate dalle fonti giornalistiche – se confermate – sono gravi ed inaccettabili. D’altra parte le dimissioni del senatore Di Nardo sono state eloquenti. Questa Giunta regionale è imbattibile quando si tratta di stipendi e nomine, meno quando bisogna proteggere il territorio. De Luca chiarisca, e questa volta sia più convincente».

incendio colli tifatini marino zinzi
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.