Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

INCHIESTA ASSOPIAGLIATUTTO, rinviati a giudizio sindaci, funzionari ed imprenditori

28 / 09 / 2017

|

Antonio Bruno

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Sindaci, funzionari pubblici ed imprenditori a processo. I pubblici ministeri della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere Giorgia De Ponte ed Alessandro Di Vico oggi hanno chiesto ed ottenuto il rinvio a giudizio dopo aver chiuso le indagini (LEGGI QUI), di tutti gli indagati dell'inchiesta 'Assopigliatutto'. 

Davanti al giudice per le udienze preliminari sono comparsi imputati ed avvocati per i quali è stato chiesto di disporre il processo:

Luigi Imperadore, 51 anni di Gioia Sannitica, patron della Termotetti;

Francesco Raucci, 45 anni di Caserta;

Antonella Tedesco, 39 anni di Gioia Sannitica, titolare della Termotetti;

Vincenzo Cappello, 52 anni, ex sindaco di Piedimonte Matese;

Pietro Terreri, 51 anni di Formia, ex dirigente del Comune di Piedimonte Matese;

Ernesto Palermiti, 59 anni di Caserta;

Raffaele Macchione, 66 anni di Parete;

Antonio Menditto, 48 anni di Pietramelara;

Luciano Sorbo, 40 anni di Casapulla;

Francesco Iavazzi, 50 anni di Caserta, titolare della Impresud;

Giuseppe Simonetti, 60 anni di Piedimonte Matese;

Angelo Di Costanzo, 55 anni, ex presidente della Provincia di Caserta ed ex sindaco di Alvignano;

Simone Luigi Giannetti, 55 anni, ex assessore del Comune di Alvignano;

Vincenzo Mario Franco, 63 anni, di Baia e Latina;

Domenico Marra, 58 anni di Castel Campagnano;

Claudio Del Muto, 65 anni di Piedimonte Matese;

Gennaro D'Onofrio, 63 anni di Pomigliano d'Arco;

Giuseppe Imperatore, 54 anni di Caserta;

Antonio Manca, 63 anni di Caserta;

Fabio Menditto, 50 anni di Casagiove.

© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.