Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

CAMORRA E POLITICA Diana iscritto nel registro degli indagati: “I camorristi hanno tentato di uccidermi”

04 / 07 / 2015

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


"Resto, innanzitutto, sconcertato dall'accostamento di due vicende completamente diverse tra loro e che non hanno nessun collegamento reciproco. Con riferimento alla vicenda Concordia CPL, mi e' stata notificata una informazione di garanzia da cui apprendo di essere indagato per l'ipotesi di 416 bis c.p..". Chi parla e’ l’ex parlamentare Lorenzo Diana, scritto nel registro degli indagati nell’inchiesta Cpl Concordia sui presunti rapporti tra la camorra del clan dei Casalesi, politica e metanizzazione. “In relazione a tale vicenda ho gia’ chiesto da mesi di essere ascoltato dalla Procura di Napoli per chiarire la mia completa estraneita’ alla stessa – continua - Non ho mai avuto rapporti o contiguita’ con esponenti di ambienti camorristici, i quali, viceversa, mi hanno sempre minacciato ed hanno anche tentato di uccidermi. Al contrario, la mia storia personale e politica testimoniano la mia costante attivita’ di contrasto ai fenomeni di criminalita’ organizzata. Attivita’ che è ben nota all’Autorita’ Giudiziaria e alle Forze di Polizia. Sono sereno e non accettero’ che la mia ultra - decennale storia venga delegittimata e mortificata da accuse infamanti e certamente calunniose. Il provvedimento cautelare che mi e’ stato notificato oggi attiene non alla vicenda Concordia CPL ma, viceversa, ad una vicenda totalmente diversa, ovvero ad alcuni incarichi professionali attribuiti nella mia qualita’ di Presidente del C.A.A.N..
Tali incarichi sono stati conferiti nel pieno rispetto delle leggi e dei regolamenti istitutivi del C.A.A.N. ( (Centro Agro Alimentare di Napoli, ndr), come dimostrero’ ai magistrati inquirenti nei prossimi giorni. Inoltre, trattasi di incarichi di modesto importo e conferiti esclusivamente allo scopo di tutelare gli interessi del C.A.A.N.. Ancora, l’accostamento a tale vicenda di un episodio relativo a mio figlio e’ ancor di più sconcertante. Mio figlio e’ laureato alla Bocconi ed e’ specializzato alla London School ed e’ attualmente Manager del gruppo Lufthansa. Solo allo scopo di completare il proprio curriculum, aveva presentato domanda di partecipazione ad un Master Fifa, rispetto al quale, la contestata certificazione, attestante una collaborazione svolta presso la squadra Frattese, era assolutamente ininfluente. Non appartiene ai valori della mia famiglia quella di ricorrere a falsi o ad inganni . Ripeto, sono sereno rispetto anche a queste contestazioni che chiariro’ presto ai magistrati inquirenti”.

san cipriano daversa aversa camorra politica lorenzo diana indagato
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.