Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

JuveCaserta, Lello Iavazzi si arrende

14 / 07 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Oggi arriverà per la Juvecaserta la conferma dell’esclusione dal prossimo campionato di Serie A da parte del Consiglio Federale della Fip, al quale sarà presente anche il presidente del Coni Giovanni Malagò. “E’ tutto deciso ormai – confessa amareggiato il patron casertano Lello Iavazzi dopo aver visto ieri pomeriggio il presidente della Federbasket Gianni Petrucci – E’ stato un incontro formale. Ho capito che per loro vale quello che dice la Comtec. Adesso aspettiamo cosa decideranno e le motivazioni, poi reagiremo. E’ una motivazione formale e non di sostanza, per noi c’è un pool di avvocati a lavorare. Appena lette le motivazioni, partirà la nostra opposizione in tutti i modi consentiti dalla legge”. Sarà sicuramente adito il Collegio di Garanzia dello Sport del Coni, passerà ancora altro tempo (probabilmente a fine mese?), e quindi ci sarà ancora da soffrire per i tifosi bianconeri.
Date, documenti, scadenze, condono, adempimenti, istanze. Tutto il destino della Juve ruota sulle osservanze burocratiche e non, necessarie a una società sportiva di basket per iscriversi al campionato e per chiudere il precedente. Il lodo al Bat (tribunale arbitrale Fiba) di Bobby Jones e il mancato rispetto dei parametri ricavi/indebitamenti/patrimonio netto: questi i due grandi ostacoli sui quali Caserta è inciampata. Sarebbe, secondo la versione della società. Lello Iavazzi invoca la delibera 346 del 2017 della Federbasket, pubblicata nel comunicato ufficiale n. 1000 dell’11 aprile scorso, che testualmente recita ”aver adempiuto fino al 30 aprile 2017 ad ogni obbligazione nei confronti dei propri tesserati e nei confronti del Fondo Accantonamento Fine Carriera, ivi compresi gli eventuali lodi esecutivi emessi dal Collegio Permanente Conciliazione ed Arbitrato attivo presso la Lega professionistica nonché quelli emessi dalla FIBA – B.A.T.”. “Il lodo di Bobby Jones è del 30 giugno con pagamento entro il 10 luglio, questo blocca il mercato ma non l’iscrizione” spiega Iavazzi.
violazioniNella stessa delibera si parla anche dei parametri violati dalla Juvecaserta, ma solo in fase iniziale a causa del diniego della rottamazione delle cartelle esattoriali, poi concessa da Equitalia. Con il diniego della rottamazione i parametri non erano rispettati, con la successiva approvazione (e il pagamento di alcune cartelle) sì, ma nel frattempo c’era stata la visita e la “fotografia” della Comtec effettuata in presenza del diniego della rottamazione.
Sulla vicenda interviene il sindaco di Caserta Carlo Marino: «In qualità di sindaco sarò al fianco della Juvecaserta in ogni momento. L’esclusione dal campionato di Serie A sarebbe estremamente penalizzante per un intero territorio, quello casertano, dove il basket ricopre un ruolo sociale, sportivo ed economico di primaria importanza. La Juvecaserta è la storia della nostra città e tutti insieme dobbiamo lottare per non perdere questa eccellenza».
Intanto i tifosi si scatenano sui social. “Però caro Lello Iavazzi, pur apprezzando i tuoi sforzi economici, adesso ti rendi conto che per gestire un team di Lega A ci vuole un AD o un manager con i controfiocchi? Che sia presente nei posti che contano? Disertare le riunioni di Lega non è cosa saggia. E per incontrare e convincere imprenditori del calibro di Vigorito chi mandiamo?” si leggeva su un post. Ieri sera i tifosi della Curva Ancilotto, si sono riuniti alla Rotonda di San Nicola la Strada «cercando, ove possibile una soluzione a questo che ormai è un calvario infinito»
fallimento juve caserta lello iavazzi
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it