Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

OMICIO TONDI | Katia strangolata dal marito: chiesti 25 anni, lui si dichiara innocente

27 / 11 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Il pubblico ministero Domenico Musto ha chiesto oggi 25 anni di pena per Emilio Lavoretano, unico sospettato, a piede libero, del delitto della moglie Katia Tondi, la mamma di 33 anni trovata strangolata nell’appartamento coniugale di San Tammaro nel luglio del 2013.

 
 
 
 
 
 

La pena è stata quantificata dopo una requisitoria durata oltre due ore nel corso della quale il pm ha ripercorso i passaggi dell’inchiesta. Il processo, in corso davanti alla Corte di Assise di Santa Maria Capua Vetere (presidente Giovanna Napoletano), vede sotto accusa l’ex gommista che si è sempre proclamato innocente, così come sostenuto dalla difesa, rappresentata dall’avvocatessa Natalina Mastellone.

Quest'ultima ha prospettato una tesi diversa sulla base di elementi indiziari a carico dell'imputato, tra cui l’esito dell’intervento del medico legale e l’ora stabilita del decesso che è stata anche al centro di una superperizia. Il processo prosegue con la discussione di parte civile mentre la sentenza è attesa prima di Natale. 

OMICIDIO TONDI KATIA TONDI
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.