Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

KNOWOUT GAME | Pugno al passante, poi video sul web: la folle moda sbarca a Caserta

29 / 10 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


La folle moda del knockout game o la rissa «programmata» da filmare e pubblicare sul web è arrivata anche a Caserta. E' accaduto l’altra sera in pieno centro dove un ragazzo è stato colpito senza alcuna ragione a pugni sulla testa. L’incredibile episodio si è verificato davanti ai porticati di via Roma a pochi passi da una pattuglia dei vigili urbani che era di servizio all’incrocio con via Cesare Battisti. Dolorante, incredulo e con una senso di umiliazione, il ventenne che era in compagnia di due amici ha raccontato che e a colpirlo è stata una ragazza. Circostanza confermata dai testimoni, due amici della vittima e una serie di passanti. Una donna ha infatti riferito: «Pensavo che fosse una lite tra fidanzati».

Sono le otto di sabato sera quando il ventenne, lasciata l’auto al parcheggio Pollio, s’incammina con due amici in direzione di via Roma. I tre ragazzi, sorpassato il chiosco dell’edicola, camminano in fila indiana accanto al porticato quando, proprio da dietro le colonne, sbuca fuori qualcuno assesta un pugno dietro la nuca all’ultimo dei tre, un colpo talmente forte che il giovane sbanda. Ci mette qualche istante per capire cosa sia appena successo. Increduli anche gli amici che, sentendolo urlare di dolore, si voltano si ritrovano quasi accerchiati da un gruppo di ragazzine. Una di loro ha rifilato il cazzotto al malcapitato. I tre amici strillano e attirano l’attenzione dei passanti, poi si rivolgono ai vigili urbani, ma è inutile: i due anziani agenti cercano di individuare la picchiatrice ma si muovono con una flemma diametralmente opposta alla rapidità delle ragazzine che scappano via come gazzelle in direzione della stazione. Di loro si perdono le tracce mentre il malcapitato viene soccorso da alcuni passanti.


knowout game caserta rissa
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.