Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

L`artista casertano Bifido in mostra al Roma Jazz Festival

12 / 10 / 2013

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Bifido, giovane artista di origini casertane, in mostra al Roma Jazz Festival che si svolgerà dal 20 ottobre al 2 novembre presso l'Auditorium Parco della Musica di Roma. nel folto programma trova spazio "Speech - street action", evento curato da 21 Grammi per il quale sono stati selezionati diversi artisti del panorama della street art internazionale. Tra gli artisti internazionali selezionati Bifido, l'irriverente artista casertano che ancora una volta colpisce per la durezza di contenuti e il forte impatto visivo dei suoi lavori. Per l’importante manifestazione romana, Bifido ha colorato ed arricchito d’arte il muro della metro di S. M. del Soccorso a Roma, con un’opera dal titolo “William Burroughs, La Scimmia sulla schiena", opera ispirata al forte legame esistente  tra letteratura beat, jazz e droga, in particolare eroina .Il perché di questa scelta viene così spiegata dallo stesso artista casertano: “La scena jazz e beat è legata in vario modo al tema della tossicodipendenza da eroina; l’uso di questa sostanza accompagna la vita e la creatività degli artisti creando un sottofondo fantastico e da incubo allo stesso tempo. Partendo dalle suggestioni del testo di Burroughs “Junkie. La scimmia sulla schiena”, che affronta in maniera lucida e in una prospettiva non moralistica ne idealizzante il rapporto con l’eroina, il mio lavoro vuole mostrare il legame profondo tra la cultura “beat-jazz” e la disperata ribellione di una generazione di artisti”. Bifido ha realizzato un murales-collage di dimensioni mastodontiche che impatta lo sguardo del passante costringendolo ad un confronto multiplanare: ad un ritratto fotografico fa, infatti, da sfondo un collage di pagine che guardato nell’insieme crea uno squarcio nella parete mentre osservato nel dettaglio permette di leggere le pagine del testo di Bourroughs. “Volevo che l’opera – continua Bifido - fosse leggibile sia da vicino, per i fruitori della metro, sia ad una distanza maggiore, per i passanti e gli automobilisti. Soprattutto mi interessava restituire l’idea di un taglio, di una frattura nella normalità che accomuna la ritmica musicale del jazz a quella della poetica beat”.
arte bifido mostra caserta caserta murales
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.