Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

L’Asl Caserta organizza il progetto di terapia trasfusionale a domicilio

15 / 10 / 2013

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


La realizzazione della emoterapia domiciliare nel territorio dell’Asl Caserta, diretta da Paolo Menduni, è una realtà che in fase organizzativa risulta già avviata dal mese di luglio di quest’anno, grazie all’intesa intercorsa tra la Direzione sanitaria aziendale, rappresentata da Gaetano Danzi e il Presidio Ospedaliero di Aversa, diretto da Giuseppe Tatavitto. Mediante il protocollo avviato è stato favorito  il raccordo tra le diverse strutture dell’ ospedale e del territorio. L’attuazione  pratica dell’attività ha visto coinvolti il Servizio Trasfusionale del Moscati di Aversa, diretto da Saverio Misso, il Servizio per le Cure domiciliari, diretto da Carmine Lauriello, il Servizio Qualità e miglioramenti dei percorsi, diretto da Luigi Buzzoni. La collaborazione attiva  tra servizi interessati ha permesso di sviluppare e rendere operativo su tutto il territorio della provincia di Caserta un modello programmato di gestione della terapia trasfusionale domiciliare,  come era stato già prefigurato nella delibera D.G. n 710 del 30/05/2013 avente ad oggetto “Procedura di gestione della terapia trasfusionale programmata domiciliare in Adi ed ambulatoriale presidiale Asl Caserta”. “Il progetto - chiarisce il direttore sanitario aziendale Gaetano Danzi - si inserisce nel discorso delle cure domiciliari e integrazione Ospedale Territorio, per favorire il ricorso all'ospedale solo delle problematiche urgenti”. Il gruppo degli esperti del Centro trasfusionale di Aversa, medici specialisti ed infermieri, opera in stretta collaborazione con il Coordinamento Cure Domiciliari Adi, nel caso di necessità di terapia trasfusionale, l’équipe interviene prontamente recandosi al domicilio dei pazienti nell’ottica della continuità delle cure ospedale-territorio.  Questo tipo di organizzazione oltre a  favorire un migliore utilizzo delle risorse del SSN e l’umanizzazione delle cure, tende ad assicurare una migliore qualità di vita non solo al paziente ma anche ai suoi familiari. L’intervento realizzato rappresenta una sfida importante per l’Asl Caserta, infatti, mentre in ambito ospedaliero  la trasfusione di sangue o dei suoi componenti, è una procedura ordinaria regolata da  puntuali linee guida elaborate dalla Commissione  Nazionale per il Servizio Trasfusionale e dalla Società Italiana di Medicina Trasfusionale (Simti) oltre che da una specifica normativa (L. 107 del 4 maggio 1990, L. 219/05, DD.MM. 25-26/01/2001 e 03/03/2005), la Emotrasfusione Domiciliare viene praticata  soltanto da un esiguo numero di Medici di Medicina  Generale (Mmg), per motivi di carattere formativo, organizzativo e per i potenziali rischi che comporta.  Nonostante i dati della letteratura riguardanti le emotrasfusioni domiciliari siano relativamente scarsi, i risultati indicano che questa procedura può essere considerata una valida alternativa alla ospedalizzazione con un notevole contenimento dei costi e riduzione dei disagi per quei pazienti (oncologici, ematologici etc.) che per varie problematiche legate alle patologie di cui sono portatori non hanno possibilità ad accedere al centro trasfusionale e per i quali un ricovero in ospedale per il solo supporto trasfusionale sarebbe inappropriato.
sanita` asl caserta trasfusioni trasfusioni ospedale
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.